Categoria: Notizie ed Altro

16-02-2018 Gli Ingegneri incontrano i candidati al Parlamento

Il prossimo 16 febbraio si terrà un incontro con i candidati al Parlamento in vista delle elezioni politiche del 4 marzo, dal titolo “La voce degli ingegneri”.
L’obiettivo è di favorire un momento di informazione e confronto sulle tematiche che riguardano la professione, con particolare attenzione ai temi dell’economia e del lavoro, dialogando con chi sarà incaricato per i prossimi di 5 anni di rappresentare il Veneto e a farsi portavoce delle sue istanze a Roma.
Il programma prevede la relazione introduttiva del presidente della FOIV Gian Pietro Napol e, a seguire, una tavola rotonda, cui è stato invitato un esponente per ogni lista.

Ingresso libero fino ad esaurimento posti.

Dove: presso la Cittadella dell’Edilizia, via Banchina dell’Azoto 15 Marghera (Ve)

Quando: 16 febbraio 2018, ore 10:00-12:00

ore 10:00 Relazione introduttiva
presidente FOIV, Gian Pietro Napol

ore 10:15 Tavola rotonda con i candidati veneti al Parlamento

Intervengono*:
Bartolomeo Amidei, Fratelli d’Italia
Pier Paolo Baretta, Partito Democratico
Andrea Causin, Forza Italia
Emanuele Cozzolino, Movimento 5 stelle
Mario Dalla Tor, Civica Popolare
Michele Mognato, Liberi e Uguali
Carlo Nicoletti, Popolo della Famiglia
Vania Prataviera, Noi con l’Italia
Gian Paolo Vallardi, Lega Nord

conduce la giornalista Micaela Faggiani

*Sono state invitate tutte le liste che si presenteranno alle elezioni.
Altri candidati in attesa di conferma.

ore 12:00 aperitivo

Guarda l’intervista del Presidente Gian Pietro Napol sul nostro canale YouTube, clicca qui

FOIV aderisce a “Il libero professionista nell’economia digitale” (scadenza candidature 20/10)

Accogliendo l’invito del CUP Veneto, la FOIV – Federazione Ordini Ingegneri del Veneto ha aderito al progetto di finanziamento per la formazione continua dei professionisti “Il libero professionista nell’economia digitale”, nell’ambito del bando regionale DGR 687/2017.
Le attività formative, verteranno sui seguenti argomenti:
– “Inglese specialistico” della durata di n. 36 ore: permetterà di migliorare e perfezionare il proprio lessico in lingua inglese nell’ambito commerciale;
– “Il professionista Europeo e la sua dimensione imprenditoriale” della durata di n. 24 ore: permetterà di approfondire tematiche legate alla privacy, alla trasparenza e all’anticorruzione, ai finanziamenti per i professionisti derivanti dai Fondi strutturali europei e le c.d. reti d’imprese, in sintonia con le trasformazioni delle nostre società;
– “Innovazione digitale per lo studio professionale” della durata di n. 24 ore: permetterà di acquisire specifiche conoscenze sulle innovazioni digitale che le quali il professionista quotidianamente entro in contatto (web marketing, utilizzo dei social network, rapporti con le pubbliche amministrazioni es. Agenzia delle Entrate, INPS, INAIL).
I professionisti interessati a partecipare ad uno dei corsi, dovranno firmare, timbrare il modulo di PARTENARIATO AZIENDALE, la scheda 3 e la scheda DE MINIMIS e trasmetterli entro il 20/10/2017 all’indirizzo veneto@cuprofessioni.it , e per copia conoscenza sia all’ordine di appartenenza sia a segreteria@foiv.it.

Scheda 3 modello da compilare_STUDI_PARTECIPANTI

PRG-Dec611-17_AllE_Dichiarazione_DE_MINIMIS

PRG-Dec611-17_AllC_ModuloAdesionePartner_STUDI_PARTECIPANTI

 

INFORMATIVA- Tecnici Competenti in Acustica già iscritti all’elenco regionale del Veneto

A seguito delle recenti modifiche introdotte dal D. Lgs. n. 42/2017 entrato in vigore il 18/04/2017,  segnaliamo che sul sito dell’ARPAV  sono disponibili le indicazioni operative affinché i Tecnici Competenti in Acustica, già iscritti nell’elenco regionale del Veneto, possano continuare ad esercitare la pratica professionale presentando istanza di inserimento nell’Elenco Nazionale dei TCA.

I soggetti che al 18.04.2018 non risultano aver presentato tale domanda, saranno cancellati dall’elenco regionale e pertanto non accederanno all’elenco nazionale (come da Disciplinare ARPAV allegato).

Allegati:

ARPAV-DDG n 183 del 06-07-2017

ARPAV-DDG_183_2017_All_A_disciplinare

DLgs-42-17-febbraio-2017

 

19/06/2017 Seminario gratuito “La resistenza al fuoco. Novità e responsabilità” Fiera di Padova

PROGRAMMA

Le novità in materia di resistenza al fuoco delle opere da costruzione introdotte dal Codice di Prevenzione Incendi

La tripla protezione degli elementi strutturali: scelte e costi nascosti. Case history

Le responsabilità civili e penali del professionista in tema di resistenza al fuoco

DOCENTI

Fabio Dattilo, Direttore Interregionale dei VVF del Veneto e TAA

Mauro Caciolai, Dirigente Vigili del Fuoco

Marco Antonelli, Head of Product Management Promat, esperto di prevenzione incendi

Claudio Traverso, Direttore tecnico Promat Italia, professionista antincendio, esperto nel campo dei protettivi dal fuoco

QUANDO

19 giugno dalle 8:45 alle 13:15

DOVE

Fiera di Padova, Padiglione 11

 

Il seminario è gratuito ed è valido per l’aggiornamento dei professionisti antincendio e consente il rilascio di 4 CFP. Le iscrizioni saranno aperte a tutti fino al 31 maggio.

Per le iscrizioni e per il programma completo si rimanda al link:
http://centroformazione.net/it/seminario-gratuito-di-aggiornamento-per-professionisti-antincendio-la-resistenza-al-fuoco-le-novita-e-le-responsabilita/ 

7/06/2017 Convegno “InnovAzioni: innovare per competere. Politiche per una nuova valorizzazione dei territori”, Palazzo del Bo – Padova

Immagine Innovazioni7 06 17

IN/ARCH – Istituto Nazionale di Architettura con IN/ARCH Triveneto annunciano la quinta tappa dell’evento “InnovAzioni: innovare per competere. Politiche per una nuova valorizzazione dei territori” che si terrà il 7
giugno 2017 a Padova con focus su INDUSTRIA 4.0, SMART CITY E SMART BUILDING.
Due le sessioni di confronto previste:
– Smart Building: la digitalizzazione della quotidianità.
– Smart City: come sta cambiando l’ambiente in cui viviamo.
Cosa significa Industria 4.0? Non esiste ancora una definizione esauriente del fenomeno, ma in estrema sintesi alcuni analisti tendono a descriverla come un processo che porterà alla produzione industriale del tutto automatizzata ed interconnessa.
Non bisogna però dimenticare che l’avvento dell’era digitale non riguarda solo l’industria e il comparto produttivo, ma anche ambiti che coinvolgono molto più direttamente l’individuo e la collettività in cui esso è inserito.
L’estensione dell’influenza di Internet al mondo degli oggetti e dei luoghi concreti è una realtà con cui facciamo i conti tutti i giorni; le aspettative degli esperti sono che l’IoT (Internet of Things) cambierà il nostro modo di vivere in modo radicale: gli oggetti intelligenti, con capacità decisionale, permetteranno
risparmio energetico sia a livello personale (smart building) sia a livello macroscopico (smart-city).
L’IoT sta già modificando la nostra dimensione privata all’interno di edifici di moderna concezione che, come le industrie, andranno sempre più rispondendo alle sollecitazioni di un linguaggio comune, quello digitale. La rete sarà sempre più indispensabile e costituirà il concetto chiave di edifici interattivi e dialoganti.
Prototipizzazione digitale delle costruzioni e gestione delle informazioni per l’efficientamento del processo, realizzazione e manutenzione mediante il BIM, digitalizzazione dei servizi pubblici, wifi diffuso, energia pulita, teleriscaldamento e mobilità intelligente rappresentano solo alcuni dei punti per trasformare le città “tradizionali” in smart cities.
Il concetto di smart city viene oggi inteso come la prossima tappa nel processo di urbanizzazione: “un insieme di strategie di pianificazione urbanistica tese all’ottimizzazione e all’innovazione dei servizi pubblici così da mettere in relazione le infrastrutture materiali delle città «con il capitale umano, intellettuale e sociale
di chi le abita» grazie all’impiego diffuso delle nuove tecnologie della comunicazione, della mobilità, dell’ambiente e dell’efficienza energetica, al fine di migliorare la qualità della vita e soddisfare le esigenze di cittadini, imprese e istituzioni”.
Obiettivo principale del convegno sarà mettere a fuoco le promettenti opportunità offerte dallo sviluppo tecnologico (in particolare IoT – Internet of Things) e i cambiamenti che porterà nel nostro vivere quotidiano: il nostro ambiente, la nostra casa, la nostra qualità di vita.
Saluti: Paolo De Biagi Commissario Straordinario del Comune di Padova; Giovanni Furlan Consigliere Ordine Architetti Padova; Pasqualino Boschetto Presidente Ordine Ingegneri Padova; Agostino Bonomo Presidente Confartigianato Veneto;
Intervengono: Adolfo Guzzini Presidente nazionale IN/ARCH; Michele Franzina IN/ARCH Triveneto, Massimo Campari Direttore scientifico del Master IN/ARCH in BIM, Luciano Gamberini Direttore dello “Human Inspired Technologies Research Centre” (HIT) Università degli Studi di Padova, Antonio Martini Consigliere OICE per l’area Nord Italia, Marco Palazzetti Amministratore Palazzetti Group; Alessandro
Ravagnin Systems Marketing Manager Vimar; Giovanni Salmistrari Presidente ANCE Veneto, Carlo Natale Founder IoTT Innovations, Andrea Giordano Presidente del corso di studio Ingegneria edile-architettura Università di Padova, Piercarlo Romagnoni Direttore dipartimento di progettazione e pianificazione in ambienti complessi IUAV, Patrizia Messina Direttore del Centro di Studi Regionali “Giorgio Lago”, Mauro
Annunziato, Divisione Smart Energy, C.R. ENEA Casaccia, Fabrizio Dughiero Prorettore al trasferimento tecnologico e ai rapporti con le imprese Università degli studi di Padova, Carlo Pasqualetto, Co-Founder Azzurro Digitale, Licensee TedxPadova

Con il Patrocinio della Regione Veneto, del Comune di Padova, dell’Università di Padova , di ENEA e dell’Ordine degli Architetti di Padova.

 
L’ingresso è libero ma è richiesta la registrazione da inviare a Giulia Alessi segreteria@inarchtriveneto.it 

Verona in cantiere: inaugurata la mostra dell’Ordine di Verona (dal 3/05 al 30/06)

Oppi LocandinaA3FILEminimizer

L’Ordine degli Ingegneri di Verona ha inaugurato, sabato 13 maggio, l’esposizione fotografica dal titolo «Verona in cantiere», con gli scatti fotografici dello Studio Oppi. In mostra un ricco patrimonio di immagini inedite che raccontano la trasformazione urbana di Verona negli anni tra le due guerre. Allestita negli spazi del Magazzino 1 – sede dell’Ordine – Via Santa Teresa 12 – con Ingresso libero (orario: lunedi-venerdì ore 9 – 18), l’iniziativa è promossa e realizzata in collaborazione con il Comitato Rionale Filippini – destinatario del lascito fotografico dello Studio Oppi -, con l’associazione Agile e grazie al sostegno di AmiaVerona.
L’esposizione, curata dagli ingegneri Angelo Bertolazzi e Ilaria Segala con la collaborazione dell’architetto Michele De Mori (Associazione Agile), Silvana Xamo (Comitato Rionale Filippini) e Erika Bossum – presenta ventiquattro fotografie originali (delle 103 catalogate) raggruppate in cinque macrosezioni che mostrano i cantieri per la costruzione della Caserma Ettore Crippa, sede del IV Autocentro (1); i lavori per il Palazzo dell’INA a Porta Nuova (2); quelli alla Centrale idroelettrica Sorio Nuova (3); le Sistemazioni stradali in via Sant’Alessio, Regaste Redentore e Interrato dell’Acqua Morta (4) e, a chiudere, l’ordinaria manutenzione ai sottoservizi e alle reti dei trasporti in Piazza Erbe e Centro Storico (5). Le immagini – cui nell’allestimento curato da Diego Martini e Giulia Lopez (Galleria Fuori le Mura) è dato volutamente massimo risalto – sono accompagnate da pannelli descrittivi che ne spiegano il contesto storico-sociale, l’impianto tecnico e la precisa datazione.
L’iniziativa, ad ingresso libero, è un appuntamento della rassegna culturale Open6. Ingegneri aperti alla città  sul tema INNOVISIONI. Idee e progetti del tutto nuoviINNOVISIONI. Idee e progetti del tutto nuovi

 
 
QUANDO
Dal 13 maggio al 30 giugno 2017
orario: lunedi-venerdì ore 9 – 18

DOVE
Via Santa Teresa 12, Verona

INARCH TRIVENETO · PADOVA (PD), ITALIA · SCADENZA 28/04/2017

Atena Spa, ente accreditato alla formazione continua in Regione Veneto, e Inarch Triveneto, sede regionale dell’Istituto Nazionale di Architettura, promuovono un percorso di internazionalizzazione a valere sulla DGR n. 1284 del 09/08/2016:
cod. 4136-1-1284-2016 “Il Made in Italy delle professioni tecniche: rendere internazionali i servizi nel campo dell’architettura e dell’ingegneria”

Obiettivo del Progetto: Il bando regionale DGR1284/2016 ha come obiettivo primario la promozione dei processi di internazionalizzazione delle imprese venete, per dare nuovo impulso all’economia. Il presente progetto, nello specifico, si rivolge agli studi di progettazione architettonica, strutturale e impiantistica, liberi professionisti e aziende che lavorano nel settore. Tramite le diverse attività previste (formazione, consulenza, workshop, visite di studio, corsi di lingua) ci proponiamo di fornire ai partecipanti competenze e strumenti per intraprendere e sviluppare strategie di mercato estero, sia a livello individuale che in collaborazione con realtà straniere. Sempre più il progetto architettonico “made in Italy” è visto come un’eccellenza all’estero; saper approfittare di questo momento favorevole per allargare il proprio mercato, internazionalizzando le proprie attività può essere il punto di svolta per le realtà che decideranno di aderire al presente progetto.

Scarica