INGEGNERI VENETI VICINI ALLE POPOLAZIONI COLPITE DEL BELLUNESE: IERI CONSIGLIO FOIV A BELLUNO. “PRONTI A PARTIRE CON LE RICOGNIZIONI”

Gli ingegneri veneti sono vicini alle popolazioni colpite dal maltempo di fine ottobre e pronti a intervenire per dare il loro contributo volontario. È quanto emerso ieri sera dal consiglio della FOIV – Federazione degli Ordini degli Ingegneri del Veneto, che si è riunito a Belluno, in segno di solidarietà alla provincia colpita dall’evento eccezionale.

«Abbiamo scelto di partire simbolicamente da qui, da Belluno, con il primo di una serie di consigli “itineranti” nelle province venete, a dimostrazione della nostra vicinanza alle persone di questo territorio – sottolinea Luca Luchetta, presidente dell’Ordine degli Ingegneri di Belluno -. È stato un modo anche per ribadire la disponibilità di FOIV a mettere a disposizione il lavoro volontario degli ingegneri per quanto riguarda le azioni di verifica e controllo che devono essere messe in atto sul territorio».

Presente anche Francesco Rossitto, delegato FOIV per la Protezione Civile: «FOIV ha ricevuto dalla Regione Veneto l’incarico di coordinare l’attività dei professionisti volontari tecnici per le ricognizioni, comprendendo ingegneri, architetti e geometri – annuncia -. Quindi è stata avviata la procedura di apertura della sala operativa all’interno del Co.R.Em. di Marghera. Siamo pronti e in stand-by, in attesa di avere dalla Regione l’elenco degli immobili o delle problematiche che dovremo valutare e l’indicazione dei comuni in cui andare. Appena possibile inizieremo a inviare le squadre in ricognizione”.

Al momento i professionisti allertati sono circa 100 tra ingegneri, architetti e geometri aderenti al Nucleo tecnico nazionale per il rilievo danni e agibilità della Regione. “Sono disponibili a partire non appena la Regione ci darà il via libera” conclude Rossitto.