Cortina, necessario ripensare l’ingegneria della difesa del territorio

I cambiamenti climatici rendono difficilmente prevedibili eventi come quelli che sono avvenuti a Cortina. Bisogna dunque ripensare l’ingegneria della difesa territorio alla luce di questi eventi che non sono più classificabili come un tempo.
Ciò che è ormai palese, ad esempio, è che tombinare i corsi d’aqua non è una scelta saggia, perché alla fine natura fa pagare il conto.
Qui il focus dell’ing. Luca Luchetta, presidente dell’ Ordine degli Ingegneri di Belluno.