Categoria: Corsi e Convegni

Treviso Forensic 2022: quarta edizione del seminario sulle scienze forensi

Tre giorni di tavole rotonde per approfondire la conoscenza dell’Ingegneria forense e delle sue molteplici applicazioni. In programma dal 12 al 14 settembre 2022 al Campus Universitario di Treviso e anche in modalità online.

Ingegneria Forense, quali prospettive? Si terrà dal 12 al 14 settembre 2022,presso il Campus Universitario di Treviso, la quarta edizione di Treviso Forensic, seminario tecnico di Ingegneria Forense rivolto ai professionisti – tecnici, avvocati, magistrati ecc – che operano nel ramo delle scienze tecniche applicate al contesto forense.

Tre giorni di tavole rotonde volte a incentivare il dialogo tra le parti e a mettere a confronto le esperienze culturali e i differenti punti di vista dei numerosi attori coinvolti.           
Diventato nel corso degli anniuno dei più importanti appuntamenti per le maestranze del settore, TVF2022 si configura come un momento di incontro finalizzato ad approfondire la conoscenza di una disciplina relativamente “giovane” e dunque non ancora pienamente riconosciuta a livello nazionale, la qualesi propone a sua volta di applicare i metodi scientifici dell’ingegneria tradizionale ai processi di analisi di problematiche tecniche all’interno di procedimenti penali, civili ed amministrativi.    
Il metodo scelto prevede un approccio rigorosamente multidisciplinare e interdisciplinare che si snoderà attraverso una serie di sessioni parallele abbracciando le più svariate tematiche e macro-aree di interesse, tra cui settore civile e strutturale, ambiente, acustica, estimo, sicurezza e antincendio, edilizia e urbanistica, impiantistica e informatica. Al centro di ogni dibattito sarà sempre posta la figura cardine del tecnico forense nell’ottica di valorizzarne le competenze e di porre le basi per una futura e migliore gestione dell’impianto amministrativo e legale.

Più nel dettaglio, lunedì 12 settembre, dopo i saluti di apertura, si parlerà, tra le altre cose, di economia circolare e dello sviluppo del diritto in relazione a questa delicatissima tematica. Verranno affrontati i nodi e le fattispecie di controversie legati soprattutto al ciclo dei rifiuti con un occhio di riguardo verso il preoccupante fenomeno delle ecomafie e dei reati ad esso ascrivibili. Tale sessione, presieduta dalla prof.ssa Maria CristinaLavagnolo (Dipartimento ICEA – Università di Padova), è organizzata dal Centro di Studi per l’Economia Circolare dell’Università degli Studi di Padova (65 docenti e 17 dipartimenti interessati) e sarà seguita, nel pomeriggio, da un ulteriore focus sulla cosiddetta “Giustizia climatica” e le sue implicazioni condotto dal prof. Alberto Pivato(Dipartimento ICEA – Università di Padova), e da un ulteriore momento di riflessione, affidato al prof. Andrea Marion (Dipartimento di ingegneria industriale – Università di Padova) circa la “Gestione delle acque e relativi contenziosi”. Nella stessa giornata sarà coordinata dal Consiglio Nazionale degli ingegneri una sessione sull’interpretazione dei fenomeni naturali e dei loro effetti sulle strutture.

Martedì 12 settembre gli interventi verteranno principalmente sull’“aggiornamento delle linee guida del CSM in materia di buone prassi nel settore delle esecuzioni immobiliari”, ma anche di ingegneria forense applicata all’antincendio con esempi di simulazioni modellistiche per indagare e/o prevenire le cause di esplosioni e incendi, appunto, con gli interventi di esperti, tra i quali Loris Munaro (Direttore interregionale VVF, Veneto e Trentino Alto Adige), Michele Mazzaro, Pierpaolo Gentile e Armando De Rosa della Direzione Centrale per la Prevenzione e la Sicurezza Tecnica del Corpo Nazionale VVF (Roma), e il Comandante dei Vigili del Fuoco di Treviso, Giuseppe Costa. Si discuterà poi di “Digital Forensic” insieme a Paolo Reale, celebre consulente di informatica forense, che introdurrà come avviene la “captazione tramite trojan”. Concluderà la giornata la sessione coordinata dall’avv. Bruno Barel che tratterà del rapporto tra regola giuridica e regola tecnica.

Mercoledì 14 settembre, sarà protagonista il tema dell’edilizia e, nello specifico, delle dispute concernenti i bonus edilizi, una delle tematiche di punta del seminario per l’importanza economica dell’argomento e in prospettiva per le potenziali dispute future.

Ma si discuterà anche della sicurezza in ambiente di lavoro con il prof. Giuseppe Maschio e di sicurezza stradale con l’ing. Fabrizio Mario Vinardi.

L’evento si concluderà presso palazzo dei Trecento con un dibattito sullo stato delle scienze forensi e l’assegnazione del premio Treviso Forensic. Non solo: la manifestazione quest’anno si arricchisce di due suggestive proposte trasversali: una visita guidata alla scoperta dei luoghi simbolo della città di Treviso (Palazzo dei Trecento, Palazzo del Podestà, Monte di Pietà, Loggia de’ Cavalieri ecc.), in programma martedì 13 settembre alle ore 18.30 con partenza da Piazza dell’Università, e lo spettacolo teatrale “Il Gioco del Torello” tratto dall’omonimo libro-inchiesta del giornalista trevigiano Gianni Favero, che mercoledì 14 settembre alle ore 21.30 presso l’Auditorium Scuole Stefanini, chiuderà idealmente la settimana. L’opera, diretta e interpretata da Alberto Moscatelli con Francesco Marta, porta in scena l’enigma dell’omicidio di Sandra Casagrande, pasticcera di Roncade uccisa da un assassino tuttora sconosciuto, nella tarda serata del 29 gennaio 1991.


Treviso Forensic 2022 si svolgerà in modalità “mista”, sia online che presenziale: sono aperte le iscrizioni sul sito www.trevisoforensic.it.

L’evento è organizzato da Associazione e Ordine degli Ingegneri della Provincia di Treviso, con il patrocinio scientifico dell’Università degli Studi di Padova, dell’Università di Genova e dell’Università degli Studi di Napoli Parthenope. Tra i promotori, oltre al Consiglio Nazionale degli Ingegneri (CNI), al Consiglio Nazionale Forense (CNF), alla Federazione Ordine Ingegneri del Veneto (FOIV), anche, Assindustria Veneto Centro, la Consulta e Ordini e Collegi della provincia di Treviso, l’Associazione Nazionale Giuristi Informatici e Forensi (ANGIF), Assoamianto, ilCentro di Studi per l’Economia Circolare (CEWMS) e l’Associazione Alumni dell’Università degli Studi di Padova.
Con il patrociniodella Città di Treviso e della Provincia di Treviso.

Qui il comunicato stampa scaricabile.

Qui il programma completo.

Qui la locandina.

Progetto VOID: BIM e digitalizzazione

La Federazione dell’Ordine degli Ingegneri del Veneto – FOIV, insieme a l’Ordine degli Architetti PPC di Venezia e al Collegio dei Geometri e dei GL di Venezia, ha patrocinato il progetto di VOID – Veneto Orientale Innovation DIstrict, attraverso la realizzazione di alcuni video podcast nei quali verranno approfonditi alcuni dei temi più importanti per la trasformazione digitale del territorio, a partire dai protagonisti di questo processo: la pubblica amministrazione, per continuare le attività che abbiamo svolto presso i Comuni; i professionisti, per far capire che il BIM può essere implementato da tutti; la formazione nelle scuole superiori e nelle università, per dare informazioni per intraprendere un percorso in questo senso; le imprese costruttrici, perché è fondamentale una loro partecipazione verso la digitalizzazione.

Ecco gli appuntamenti e gli ospiti:

BIM per le stazioni appaltanti con ospiti Franco Coin, Edoardo Ardizzon Rina Consulting East Europe, Gabriele Pasetti Monizza (Fraunhofer Italia)

BIM per la progettazione, con ospiti il sindaco di San Donà di Piave Andrea Cereser , l’ Ordine Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori di Venezia, la Federazione degli Ordini degli Ingegneri del Veneto Foiv Veneto, il Collegio dei geometri e GL di Venezia e 3 professionisti che parlano della loro attività quotidiana (geom. Paolo Tomat, arch. Piero Ciriotto e ing. Pierantonio Barizza)

Formazione BIM nel Veneto, in cui intervengono arch. Mauro Zecchin dell’Istituto Istruzione Superiore Scarpa – Mattei di San Donà di Piave, il prof. dir. Andrea Giordano del Dipartimento ICEA dell’Università di Padova, il Rettore prof. Benno Albrecht dell’ Università Iuav di Venezia che hanno patrocinato il progetto.

BIM nelle imprese di costruzioni, con ospiti il prof. Angelo L.C. Ciribini dell’ Università degli Studi di Brescia , ANCE Verona Costruttori Edili , Tecnostrutture srl

Al secondo appuntamento in programma, ha partecipato anche il presidente della Federazione FOIV, l’ingegnere Pasqualino Boschetto, di cui condividiamo di seguito l’intervento:

Gli altri episodi del video podcast VOID sono disponibili qui.

Qui la locandina dell’iniziativa.

Giovedì 7 luglio il convegno “LE COMUNITÀ ENERGETICHE RINNOVABILI: DALLA PROMOZIONE ALLA COSTITUZIONE”

Si svolgerà giovedì 7 luglio 2022, dalle ore 9:00 alle 13:30, presso l’Auditorium Sant’Artemio, via Cal di Breda, 116, Edificio 3 – Treviso, il convegno “LE COMUNITÀ ENERGETICHE RINNOVABILI: DALLA PROMOZIONE ALLA COSTITUZIONE”, organizzato da ANCI Veneto e Centro Studi Amministrativi della Marca Trevigiana, con il patrocinio della Provincia di Treviso e in collaborazione con FOIV, FOAV e gli Ordini e Collegi professionali.

(altro…)

Convegno “La mobilità dell’ingegnere nel mondo” 24 giugno – in streaming

Si terrà il 24 giugno alle ore 10:00, in diretta streaming,  il convegno “La mobilità dell’ingegnere nel mondo. Tra opportunità di crescita professionale e scelta obbligata”.

Sarà l’occasione per approfondire un tema di forte attualità che riguarda il fenomeno dell’emigrazione all’estero  e in particolare quella dei giovani under 35 che abbiano frequentato la facoltà di ingegneria.

Cosa spinge un ingegnere a lasciare l’Italia per lavorare all’estero? Quali opportunità e quali difficoltà incontra? Che differenze ci sono sul fronte della formazione universitaria?

Sono solo alcune delle domande che troveranno risposta nel corso del convegno organizzato dalla Federazione degli Ordini degli Ingegneri del Veneto con l’Ordine degli Ingegneri di Padova e la Fondazione Ingegneri Padova.

Il convegno, aperto a tutti in modalità streaming, si svolgerà in collegamento dall’Archivio Antico di Palazzo Bo a Padova. 

ISCRIZIONI su  https://forms.gle/iGXo2BtkdxBwMUvv7 (scadenza 23 giugno)

Agli Ingegneri saranno riconosciuti 2 CFP (ai fini del rilascio, è obbligatoria la frequenza del 100% della durata del convegno).

Comitato Organizzatore:

  • Prof. Pasqualino Boschetto, Presidente FOIV
  • Ing. Bruno Frinzi, Vicepresidente FOIV
  • Ing. Maurizia Cau, Segretario FOIV
  • Ing. Luigino Scomparin, Tesoriere FOIV
  • Prof. Guido Cassella, UNIPD
  • Prof. Marco Favaretti, UNIPD

L’evento gode del patrocinio del Consiglio Nazionale degli Ingegneri, della Regione del Veneto, dell’Università degli Studi di Padova e del Comune di Padova.

Scarica la locandina

Forum Ingegneria 4.0 – Seconda Edizione: Talks sull’Innovazione del settore delle Costruzioni

Come l’innovazione e la digitalizzazione cambiano e cambieranno il settore delle Costruzioni

La digitalizzazione sta cambiando e cambierà sempre più radicalmente il volto del settore delle costruzioni e, data la rapidità degli sviluppi tecnologici, le aziende dovranno necessariamente reagire per non rimanere indietro.

Forum Ingegneria 4.0, arrivato quest’anno alla seconda edizione, risponde alla necessità diconfronto fra i vari top players del settore delle costruzioni, CEO e Direttori delle più importanti società d’ingegneria in Italia, sul tema delle innovazioni digitali: la rivoluzione 4.0 con le sue tecnologie, nuovi strumenti e concetti coinvolgono i reparti delle Infrastrutture e delle Costruzioni e, trasversalmente, anche l’aspetto dello Human Factor con l’innovazione dei processi aziendali.

Il prossimo 20 maggio 2022, 15 Top Talkers si confronteranno su tecnologie, strumenti e nuovi concetti che stanno rivoluzionando il settore AEC (Architecture, Engineering&Construction)attraverso i tre temi della giornata:

  • Innovazione e digitalizzazione delle infrastrutture
  • Sostenibilità ed economia circolare delle costruzioni
  • Human factor, risorse umane e organizzazione del lavoro nel settore delle costruzioni

L’evento, organizzato da CSPFea e FEA Engineering, con il patrocinio della Federazione Foiv, è gratuito e quest’anno daràla possibilità di partecipare di persona in un’esclusiva location, H-FARM, il polo d’innovazione più grande e importante d’Europa. Per chi non potrà partecipare di persona, rimane la possibilità di partecipare in live streaming.

L’evento permette agli ingegneri che partecipano in presenza di ottenere 3 CFP

Per iscriversi, visitare il sito web dell’evento e sottoscrivere il form: https://hubs.la/Q019CTRh0

Qui il video di presentazione dell’evento: https://youtu.be/iALEzpZ8J5g

Ancora pochi giorni al webinar “BIM management and coordination”

Ancora pochi giorni al webinar FOIV dedicato al BIM: il prossimo 28 aprile infatti si svolgerà il webinar “BIM management and coordination – competenze e soluzioni per la transizione digitale nel settore delle costruzioni”, organizzato dalla FOIV – Federazione degli Ingegneri del Veneto, con il patrocinio di Anci Veneto, dalle 15:00 alle 18:00.

In questa profonda trasformazione digitale che sta interessando tutti i settori economici,  anche l’ambito delle costruzioni sta vivendo un intenso processo di cambiamento,  pertanto lo scopo del webinar è fare il punto sulle competenze professionali che il BIM (Building Information Modelling) e la digitalizzazione delle costruzioni richiede ai principali attori della filiera delle costruzioni

Il webinar darà spazio all’ampio spettro di testimonianze e punti di vista degli enti coinvolti nell’ambito delle costruzioni (società di progettazione, imprese di costruzioni, enti pubblici)  e una panoramica dei principali enti di certificazione presenti in territorio italiano (TUV, ICMQ, BUREAU VERITAS).

La partecipazione è gratuita con ISCRIZIONI ON LINE obbligatoria entro il 25 aprile su: https://forms.gle/HWnYnt7vXF36F7P38

CFP: agli ingegneri partecipanti saranno riconosciuti 3 CFP.  Ai fini del rilascio, è obbligatoria la frequenza del 100% della durata del convegno.

Scarica qui la locandina

Ciclo di webinar “La transizione digitale nella Pa”

Nell’ambito della collaborazione tra FOIV e ANCI Veneto, al via un ciclo di webinar dedicati alla transizione digitale nella Pa.

Di seguito i primi webinar in programma:

  • RTD: IL RUOLO DEL RESPONSABILE PER LA TRANSIZIONE AL DIGITALE. 5 maggio 2022
  • LA PROGETTAZIONE DEI NODI DEL TRAFFICO CON SOFTWARE OPEN SOURCE. 16 maggio 2022 

    I webinar sono rivolti ai dipendenti comunali e quindi agli ingegneri dipendenti del Veneto.
    La partecipazione è gratuita; per ottenere il link col quale collegarsi alla sessione, è necessario compilare il modulo di iscrizione nella sezione “Convegni” del sito www.anciveneto.org 

Pochi giorni al Forum Internazionale ECOTECHGREEN 2022

Con la recente concessione dell’Alto Patronato del Parlamento Europeo, con il Patrocinio del Ministero della Transizione Ecologica e il Ministero delle Politiche Agricole si avvia all’apertura ufficiale il 21 e 22 aprile la 13° Edizione del FORUM INTERNAZIONALE ECOTECHGREEN nel nuovo Padova Congress che a firma di Kengo Kuma ospiterà questa straordinaria Edizione. Saranno infatti oltre 60 i relatori che si alterneranno da Italia, Giappone, Francia, Cina, Australia e Malta per presentare le soluzioni innovative, tra NSB e SUDS, alla ricerca di una Città Biofilica.

Il Forum Internazionale ECOtechGREEN – CITTÀ BIOFILICA è l’importante e consolidato appuntamento che porterà al centro del dibattito l’ecologia, la natura e la tecnologia per la sostenibilità e il paesaggio.
Organizzato da PAYSAGE – promozione e sviluppo per l’Architettura del Paesaggio, Fiera di Padova e Padova Congress in collaborazione con il Consiglio Nazionale degli Architetti Pianificatori Paesaggisti e Conservatori, il Consiglio Nazionale degli Ingegneri, il Consiglio Nazionale dei Dottori Agronomi e dei Dottori Forestali, il Consiglio Nazionale degli Agrotecnici e degli Agrotecnici Laureati, il Consiglio Nazionale dei Periti Agrari e Periti Agrari Laureati e il tutti gli ordini professionali di riferimento per il settore, il Forum rappresenta uno degli eventi più importanti e di riferimento nel settore del verde tecnologico e urbano, e in questa edizione ricca di novità, conferma la sua vocazione di promozione di progetti e ricerche nell’ambito dell’Architettura del Paesaggio, riportando al centro del dibattito la natura e il verde in generale come elemento primario da sviluppare all’interno dei vari comparti, tema centrale delle politiche sia italiane sia europee.

Nell’ambito del cambiamento climatico il progetto del paesaggio può e deve svolgere un ruolo determinante ed è per questo motivo che, come indicato dalla risoluzione del Parlamento europeo, le applicazioni di Nature-Based Solutions e dei SUDS devono essere sempre più implementate. Il verde tecnologico, quindi, non solo come soluzione pensile o verticale ma come processo capace di integrarsi nelle nuove forme del costruito, in grado di avviare un processo di vera e propria fertilizzazione della città.

Ad aprire i lavori della prima giornata, sarà proprio Kengo Kuma che, dal Giappone, presenterà il progetto del Centro Congressi di Fiera di Padova, sede privilegiata del Forum Internazionale, che aprirà la stagione degli incontri culturali e convegnistici della città. Il racconto dell’iconico professionista proseguirà sulla simbiosi tra Natura e Architettura, cuore pulsante del Forum.

A seguire la presentazione del PNRR da parte del Ministero dell’Economia e della Finanza, delle strategie forestali e del verde in Europa da parte dalla Europarlamentare On. Eleonora Evi, mentre Patrizia Salvaterra, della città Metropolitana di Milano, presenterà la nuova piattaforma europea Nature4Cities.

Per la sezione VERDE TECNOLOGICO E ARCHINATURA, Dou Zhang, Senior Associate e direttore della sede di Shanghai di Sasaki Associates presenterà il progetto Xuhui Runway Park, un nuovo parco urbano disegnato tra rain garden e wetland.

A seguire, nella sezione CAMERA “COMUNE”: RIQUALIFICAZIONE E FORESTAZIONE URBANA, diverse amministrazioni si metteranno a confronto: da Padova, Chiara Gallani – Assessore all’Ambiente, Verde, Parchi e Agricoltura, e Ciro degl’Innocenti, Caposettore Verde Parchi e Agricoltura Urbana, presenteranno il nuovo Piano del Verde e il Piano di Gestione delle Alberature, oltre al progetto 10.000 Alberi per Padova. Il confronto continua con il contributo “Prato: Forest City” a cura dell’Assessore all’urbanistica e ambiente Valerio Barberis e dall’Arch. Michelangelo Pugliese, mentre Emilia Barone e Myriam Lunghini, presenteranno l’iniziativa Clever Cities con cui il Comune di Milano ha voluto premiare i tetti e le pareti verdi della città.

Nell’ambito del ONE HEALTH ONE PLANET, l’ospite speciale Patrick Blanc che, dopo la prima partecipazione al Forum Internazionale ECOtechGREEN nel 2017, tornerà a presentare una rassegna delle sue più recenti realizzazioni. Annalisa Metta, docente di Architettura del Paesaggio dell’Università Roma Tre, interverrà con “Effervescente Naturale”.

Laura Gatti aprirà la sezione delle INFRASTRUTTURE VERDI PER LA SOSTENIBILITÀ, con la presentazione della multifunzionalità come integrazione delle tecnologie verdi, mentre Lorenzo Vallerini e Paolo Borghetti, si alterneranno con Giancarlo Sgubbi per la presentazione delle infrastrutture tramviarie come elemento di riqualificazione urbana, rispettivamente a Firenze e Bologna.

A seguire HI-TECH CITY LANDSCAPE, dove lo studio AG&P greenscape, interverrà una panoramica di realizzazioni in cui il verde pensile si fa nuovo paesaggio urbano, mentre lo Studio Paisà e Mijic Architects descriveranno il nuovo paesaggio urbano di Rimini.

Nella sezione VERDE TECNOLOGICO E VISUAL IDENTITY, lo studio Transit presenterà il nuovo Angelini Headquarters, mentre Piuarch interverrà una nuova visione per i paesaggi urbani. Infine P’ARCNOUVEAU con “Natura Prossima” porterà il suo contributo al tema della Città Biofilica.

A chiudere i lavori della prima giornata, lo studio Genius Loci Architettura e lo studio Màkia, che racconteranno i Giardini Verticali di The Medelan, mentre Flavio Pollano presenterà il nuovo Garden Hotel Four Season di Milano.

Nella seconda giornata, Kirsten Bauer direttore di ASPECT Studios aprirà i lavori con la presentazione del progetto del Victorian Desalination Plant & Ecological Reserve, a seguire Edoardo Bit racconterà in una rassegna numerosi casi studio internazionali nell’ambito del verde tecnologico, mentre Frank Muscat chiuderà la sessione con la realizzazione del green wall per l’Harmur Bypass.

I lavori proseguiranno con una tavola di confronto di alta specializzazione, con gli interventi di Elena Giacomello dall’Università IUAV su NBS e SUDS, di Alberto Campiotti e Arianna Latini di ENEA con il tema del verde pensile per l’ecosostenibilità energetica e ambientale delle città e delle Nature-Based Solutions per gli edifici e possibilità di accesso ai benefici fiscali. I lavori continuano con Lucia Bortolini, docente e PhD del Diparteimento TESAF dell’Università di Padova, con la presentazione delle NSB e dei SUDS ai deflussi di pioggia, mentre Angioletta Voghera dal Politecnico di Torino presenterà le Green Blue Infrastructures. Ma non solo: Giovanni Castaldo, docente al Politenico di Milano, presenterà metodi e strumenti per l’impiego delle NSB per il Climate Change, mentre Stefano Aragona, Componente del Comitato di coordinamento della Rete delle Università per lo Sviluppo Sostenibile presenterà una valutazione dei servizi ecosistemici. E ancora Alessandra Bailo Modesti, coordinatore di Green City Network, racconterà la neutralità climatica delle città, mentre dall’Università di Pisa, Marco Volterrani interverrà sul contributo dei robot tagliaerba nelle Silent Cities, e Stefano Benvenuti sulle città biofiliche e la biodiversità nel ronzio delle api.

Il tema “Paesaggio-Natura [Uomo] Piano-Progetto” sarà invece a cura di Anna Costa, mentre Edoardo Croci, docente e coordinatore dell’Osservatorio Green Economy dell’Università Bocconi, presenterà “Nature Based Solutions per città sostenibili tra valutazione e pianificazione”.

A chiudere i lavori Flora Vallone, vicepresidente AIPIN, con il contributo dedicato a PNRR: il progetto del paesaggio tra NBS e Do Not Significant Harm.

A conclusione della seconda giornata di lavori, si svolgerà l’annuncio dei vincitori e la premiazione della terza edizione dell’ECOtechGREEN Award, il premio nato con l’obiettivo di offrire un importante riconoscimento ai progetti presentati nelle diverse sezioni, che ha visto la partecipazione di oltre 70 progetti.

Per maggiori informazioni: www.paysage.it/ecotechgreen
Per scaricare il programma: https://paysage.it/wp-content/uploads/2022/04/ECOtechGREN22_Programma.pdf

Torna in presenza il Forum Internazionale ECOtechGREEN

Finalmente in presenza, con un’edizione che si annuncia speciale e si configura come con un vero momento di restart, torna il Forum Internazionale ECOtechGREEN – ECOLOGIA TECNOLOGIA VERDE dedicato al ruolo che le soluzioni di verde tecnologico svolgono all’interno del più vasto campo delle soluzioni basate sulla natura o meglio NBS, a cui è connesso l’omonimo Premio, vede nel lancio ufficiale del bando il suo avvio. Il bando lanciato nelle scorse settimane si chiuderà infatti il 15 marzo alle ore 12. Molte le novità: prima fra tutti la nuova sede, il Centro Congressi di Fiera di Padova a firma di Kengo Kuma, dove ECOtechGREEN potrà riportare al centro del dibattito il ruolo resiliente del progetto delle infrastrutture verdi per la città nella sfida globale climatica, sociale ed ambientale.

Organizzato da PAYSAGE – promozione e sviluppo per l’Architettura del Paesaggio, Consiglio Nazionale degli Architetti Paesaggisti Pianificatori e Conservatori CNAPPC in collaborazione con Fiera di Padova in collaborazione con il Consiglio Nazionale degli Architetti Pianificatori Paesaggisti e Conservatori, il Consiglio Nazionale degli Ingegneri, il Consiglio Nazionale dei Dottori Agronomi e dei Dottori Forestali, il Consiglio Nazionale degli Agrotecnici e degli Agrotecnici Laureati, il Consiglio Nazionale dei Periti Agrari e Periti Agrari Laureati e il tutti gli ordini professionali di riferimento per il settore, il Forum Internazionale ECOtechGREEN giunge alla sua tredicesima edizione con un vero restart, il 21 e 22 aprile 2022.

Il Forum Internazionale ECOtechGREEN si rinnova e individua nel nuovo Centro Congressi di Fiera di Padova il luogo privilegiato per lo svolgimento. ECOTECHGREEN infatti sarà tra gli eventi che inaugureranno il nuovo Centro Congressi, l’iconica architettura che a firma di Kengo Kuma si configura come il più moderno centro congressi italiano, unico nel panorama nazionale. Questo luogo che offrirà all’iniziativa una cornice straordinaria all’interno della quale l’evento potrà esprimere tutte le potenzialità delle partecipazioni nazionali e internazionali riportando al centro del dibattito il ruolo resiliente del progetto delle infrastrutture verdi per la città nella sfida globale climatica, sociale ed ambientale, con il ritorno allo svolgimento in presenza che permetterà di ritrovare uno scambio culturale e professionale con i professionisti internazionali che si alterneranno al tavolo dei relatori.

ECOtechGREEN, in questa edizione ricca di novità, conferma la sua vocazione di promozione di progetti e ricerche nell’ambito dell’Architettura del Paesaggio, portando al centro del dibattito la natura e il verde in generale come elemento primario da sviluppare all’interno dei vari comparti, tema centrale delle politiche sia italiane sia europee.

Nell’ambito del cambiamento climatico il progetto del paesaggio può e deve svolgere un ruolo determinante ed è per questo motivo che, come indicato dalla risoluzione del Parlamento europeo, le applicazioni di Nature Based Solution devono essere sempre più implementate.

Per questa ragione, viene rafforzata la collaborazione con le categorie professionali che svolgono un ruolo fondamentale all’interno della filiera progettuale e che nell’evento avranno la loro rappresentanza a partire dal Consiglio Nazionale degli Architetti, a cui si affiancano le tante professionalità coinvolte: Dottori Agronomi e Forestali, Ingegneri, Agrotecnici, Periti Agrari e Geometri.

Il verde tecnologico, quindi, non solo come soluzione pensile o verticale ma come processo capace di integrarsi nelle nuove forme del costruito, in grado di avviare un processo di vera e propria fertilizzazione della città. Molte le collaborazioni eccellenti di questa edizione a partire da ENEA, l’ente nazionale preposto alla valutazione dell’efficienza termica ed ecologica delle soluzioni schermanti per gli involucri edilizi, proprio per comprendere l’applicabilità dei sistemi fiscali premianti anche al settore delle NBS. L’ANCI è stata coinvolta proprio per portare a Padova un momento di confronto tra amministrazioni pubbliche sottolineato dalla presenza dell’AIDTPG che raccoglie i direttori e funzionari dei settori del verde pubblico dei Comuni italiani. L’ANCE l’associazione che raccoglie i costruttori di un’importante comparto economico del nostro paese a cui si affiancherà ASSOVERDE illustrando i principali obiettivi del settore. All’interno di ECOtechGREEN molto presente anche il mondo della Ricerca, rappresentato dall’Università di Venezia IUAV, dall’Università di Pisa, dall’Università di Padova – Dipartimento TESAF. E per la prima volta proprio a sottolineare l’importanza ne progetto del paesaggio del suo ruolo sociale la presenza dell’Associazione Nazionale Sociologi che porteranno all’interno dell’evento un loro importante contributo.

Qui il comunicato stampa ufficiale.

Qui il bando.

Qui l’iscrizione al premio.

Webinar “Emergenza climatica: obiettivo 2030” 18 febbraio

Si terrà il 18 febbraio alle ore 9:30, in diretta streaming,  il convegno “Emergenza climatica: obiettivo 2030”. Sarà l’occasione per presentare il position paper degli ingegneri veneti in tema di cambiamento climatico, un documento che nasce dalla sensibilità e dall’impegno a intervenire contro l’emergenza climatica, con proposte concrete. Con l’obiettivo di evidenziare cosa si sta facendo concretamente in Veneto per contrastare i cambiamenti climatici, il programma del convegno prevede anche la tavola rotonda “Come raggiungere gli obiettivi 2030 per le emissioni”. Interverranno, con la moderazione di Roberto Papetti (Direttore de Il Gazzettino), Carlo Carraro (Presidente II Commissione ministeriale sull’impatto dei cambiamenti climatici su infrastrutture e territorio – Ministero delle Infrastrutture e delle Mobilità Sostenibili), Enrico Carraro (Presidente di Confindustria Veneto), Andrea Ferrazzi (Rappresentante Parlamento italiano COP26 di Glasgow), Luca Marchesi (Direttore area Tutela e Sicurezza del Territorio della Regione Veneto), Alberto Pivato (Dipartimento ICEA – Università di Padova e GdL FOIV sul Cambiamento Climatico) e Armando Zambrano (Presidente CNI – Consiglio Nazionale Ingegneri).

La partecipazione è gratuita con ISCRIZIONE OBBLIGATORIA  sul form on-line https://forms.gle/CjUu3woTodNkiKn69

Scadenza iscrizioni: 15 febbraio

CFP: agli ingegneri partecipanti saranno riconosciuti 3 CFP.  Ai fini del rilascio, è obbligatoria la frequenza del 100% della durata del convegno

INIZIATIVA APERTA A TUTTA LA CITTADINANZA, organizzata da FOIV – Federazione degli Ordini degli Ingegneri del Veneto con il patrocinio della Regione Veneto e di Veneto Sostenibile

Scarica la LOCANDINA

Scarica il POSITION PAPER “Gli ingegneri veneti per il cambiamento climatico”

Scarica la PRESENTAZIONE del Position Paper – a cura ing. Mazzon

Guarda la REGISTRAZIONE VIDEO: