Categoria: Attività

Prev.in.tour Treviso – sabato 19 ottobre

Sabato 19 ottobre si terrà a Treviso l’atteso evento Prev.in.tour, un’iniziativa di carattere tecnico e culturale, organizzata dall’Ordine degli Ingegneri della Provincia di Treviso,  rivolta sia ai professionisti che alla cittadinanza per sensibilizzare sulla sicurezza antincendio.

Prev.in.tour Treviso prevede, nella mattinata, un seminario tecnico dal titolo “Il rischio incendio nelle abitazioni civili e condominiali” condotto da relatori esperti nel settore che si svolgerà nell’auditorium Fondazione Cassamarca, piazza delle Istituzioni – Treviso; nel pomeriggio, un’attività ludico-didattica e dimostrativa a cura del Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco di Treviso, dall’Associazione Nazionale Vigili del Fuoco del Corpo Nazionale Sezione di Treviso, e dai componenti della Commissione Prev. Incendi dell’Ordine di Torino, rivolta alle famiglie, bambini e ragazzi in età scolare, organizzata nella piazza Duomo di Treviso.

La partecipazione sia al seminario che alle attività ludiche è gratuita.

Il seminario tecnico prevede l’attribuzione di:
– n. 4 ore di aggiornamento ai fini del mantenimento dell’iscrizione negli elenchi del Ministero dell’Interno dei professionisti, di cui all’art. 7 del D.M. 5 agosto 2011;
– n.4 CFP ai fini dell’aggiornamento professionale non formale.

Alla fine del seminario verrà rilasciato, a chi in regola con le frequenze richieste e dopo la verifica di apprendimento finale, l’attestato di partecipazione. La presenza al seminario deve essere garantita per l’intero evento.

Le iscrizioni si raccolgono on-line su https://www.ingtv.it/Calendario/seminario/prev-in-tour-treviso-il-rischio-incendio-nelle-abitazioni-civili-e-condominiali

Scarica locandina seminario

Scarica locandina “Pompieropoli, un giorno da pompiere”

Emanata la “Linea guida sui parametri di prevenzione incendi”

Il Consiglio Nazionale Ingegneri ha trasmesso la “Linea guida sui parametri di prevenzione incendi”, un puro modello e ausilio tecnico, nonché uno strumento utile e moderno per rispondere alle esigenze dei professionisti e delle imprese che operano nel delicato settore della prevenzione incendi, individuando le modalità di esecuzione delle prestazioni ed i tempi presumibili occorrenti per il loro svolgimento che potranno liberamente essere utilizzati come parametri di riferimento.

Alla base dell’impegno che ha condotto alla elaborazione della “Linea guida per le prestazioni di ingegneria antincendio” vi è la volontà di giungere alla formulazione di un capitolato prestazionale in cui l’attività in campo di prevenzione viene articolata in numero di ore necessarie per sviluppare le varie prestazioni previste dalla nuova normativa, aggiornata a seguito delle ultime modifiche. Infatti, seguendo il percorso della Linea guida, basato sull’assegnazione all’impegno professionale di un parametro/ valore di riferimento, si arriverà, considerate tutte le prestazioni previste e concordate con il committente, ad individuare i tempi per sviluppare l’attività stessa.

Nel settore dei lavori pubblici, laddove la prestazione antincendio non trovi soluzione e applicazione nel Decreto parametri è nelle facoltà dei RUP (così come previsto dalla norma) individuare il compenso a base d’asta per l’attività professionale in esame. In tal senso il CNI opererà divulgando presso le Pubbliche Amministrazioni centrali la Linea guida in oggetto, ma sarà compito anche degli Ordini territoriali veicolare la stessa in ambito locale. Alle commissioni sicurezza e prevenzione incendi degli Ordini è altresì demandato il compito di segnalare eventuali osservazioni e/o integrazioni.

Qui la linea guida.

PROROGATA AL 7/10/19 domanda per Master HBIM/BIM all’Università di Padova

Assistiamo ad un cambiamento epocale del comparto delle Costruzioni per le diverse istanze normative che richiedono l’implementazione del Building Information Modeling, per la codifica di metodologie innovative dell’intero processo edilizio, con ricadute importanti nel rispetto dei tempi di realizzazione delle opere e dei relativi costi. Da qui, la nascita del master HBIM/BIM dell’Università di Padova, che gode del patrocinio della FOIV – Federazione degli Ordini degli Ingegneri del Veneto.  Il Master vuole porsi in linea con tali richieste, proponendo un percorso formativo che implementi tale metodologia come guida per qualsiasi intervento professionale atto agli interventi di nuova costruzione, attraverso l’utilizzo di materiali tradizionali o innovativi. Inoltre vuole strutturare una figura professionale che, attraverso il BIM sperimentato sull’esistente (Historic Building Information Modeling – HBIM), sappia affrontare la manutenzione, conoscenza, divulgazione, salvaguardia e gestione, interoperabile sia del Cultural Heritage architettonico mondiale che del patrimonio infrastrutturale.

Il master è articolato in 3 aree tematiche che comprendono 7 insegnamenti a loro volta articolati in moduli. Sono previste:

-336 ore di didattica frontale,

-714 ore di studio individuale;

-450 ore di stage.

Le 336 ore di didattica verranno distribuite in 22 settimane tra novembre 2019 e aprile 2020 (venerdì e sabato per 16 ore settimanali). Al termine dell’attività formativa si svolgerà un tirocinio presso le Aziende, le imprese o gli Enti partecipanti, con la supervisione di un docente del master. L’attività di stage equivale a 56 giorni lavorativi, tra aprile e luglio. A conclusione dell’attività di master ogni studente è chiamato a produrre una tesi, con l’obiettivo di mediare gli aspetti metodologici trattati nelle ore di didattica con le istanze del sistema produttivo edilizio, in riferimento alla Azienda/Ente con cui collabora.

Periodo: novembre 2019 / settembre 2020

Scadenza domande prorogata al 7 ottobre

Ulteriori informazioni e il modulo di iscrizione sono disponibili a questo link.

“Impresa 4.0 Atto II. Interconnessione e Integrazione”, 25/09/2019 Crowne Plaza Padova

Si terrà a Padova il 25 settembre 2019 dalle 14:00 alle 19:00, il seminario “Impresa 4.0 Atto II. Interconnessione e Integrazione” promosso e realizzato da FOIV- Federazione Ordini Ingegneri Veneto in collaborazione con Confindustria Veneto e col patrocinio della Regione del Veneto.
Obbiettivi: approfondire temi quali l’interconnessione, l’integrazione e la nuova norma UNI/TR 11749, con la dimostrazione pratica, per la prima volta e tramite connessione da remoto, di alcuni requisiti necessari di un bene iperammortizzabile.
Target: professionisti del settore ma anche alle aziende che possono sfruttare gli incentivi del piano “Impresa 4.0” per ottimizzare e migliorare le proprie performance e raggiungere i massimi livelli di qualità.
Crediti Formati Professionali: agli ingegneri partecipanti saranno riconosciuti 4 CFP. Ai fini del rilascio è obbligatoria la frequenza del 100% della durata del seminario.
Dove: Crowne Plaza via Po, 197, 35135 Padova PD
Quando: 25 settembre 2019, h 14:00 – 19:00

Iscrizioni su https://fip.kademy.it/course/5d39906dd42aa100242a4ab2/subscribe

PROGRAMMA
Modera Katy Mandurino, Il Sole 24 Ore
14:00 – 14:15 – Registrazione partecipanti
14:15 – 14:30 – Saluti istituzionali
Pasqualino Boschetto, Presidente FOIV
Gianni Potti, Delegato 4.0 Innovazione Ricerca di Confindustria Veneto
Luca Scappini, Consigliere CNI
14:30 – 15:00 – Piano Impresa 4.0: II Fase – Ulteriori prospettive di sostegno per la trasformazione tecnologica e digitale alle imprese
Marco Belardi, CT 519 UNI-UNINFO, Consulente MiSE
15:00-15:15 – La strategia 4.0 di Confindustria Veneto
Gianni Potti, Delegato 4.0 Innovazione Ricerca di Confindustria Veneto
15:15- 16:00 – Piano Industria e Impresa 4.0: le regole, i requisiti e la documentazione. Obiettivi della UNI/TR11749:2019
Ugo Gecchelin, TEAM 4.0/CT 519 UNI-UNINFO
16:00-16:15 – Coffee break
16:15-16:30 – Interconnessione e Integrazione nella UNI/TR 11749:2019
Giuliano Rosati, TEAM 4.0/CT 519 UNI-UNINFO
16:30-16:45 – Industria 4.0 live: la verifica dell’interconnessione e integrazione attraverso il controllo da remoto di un macchinario
Giuliano Rosati, TEAM 4.0/CT 519 UNI-UNINFO
Luciano Bettinelli, Electronic Center srl
16:45-17:15 – Industria 4.0 e Cybersecurity per le reti aziendali. Prova pratica di una simulazione di “attacco” alla rete aziendale
Stefano Ferrari
17:15-17:45 – Le tecnologie abilitanti per i prodotti intelligenti e connessi
Paolo Frassine, GMP srl
17:45-19:00 – Tavola rotonda di confronto

Scarica la locandina

Scarica il comunicato stampa

INFO
Federazione Ordini Ingegneri del Veneto
via Banchina dell’Azoto 15, Marghera VE
Tel. 041 8830143
segreteria@foiv.it 

Forum Internazionale ECOtechGREEN: il 27 e 28 settembre a Padova l’appuntamento patrocinato da Foiv

Torna il 27 e 28 settembre a Padova Fiere l’importante e consolidato appuntamento con il Forum Internazionale ECOtechGREEN organizzato da PAYSAGE – con la Rivista Internazionale di Architettura del Paesaggio TOPSCAPE, dal CNAPPC – Consiglio Nazionale Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori in collaborazione con il FLORMART – Salone Internazionale del Florovivaismo e patrocinato da Foiv.

Con un forte richiamo al tema dei cambiamenti climatici e alle forme di paesaggio resilienti in grado di offrire soluzioni ai più diversi problemi ambientali attraverso l’utilizzo della natura, l’evento è da tempo impegnato a promuovere progetti e ricerche che, nell’ambito dell’Architettura del Paesaggio, interpretano innovative forme di tecnologie verdi per esperienze di “archinatura” tese a promuovere forme di naturalizzazione prossime all’architettura.

Connessa al Forum, la seconda edizione dell’ECOtechGREEN AWARD, il premio nato con l’obiettivo di offrire un importante riconoscimento ai progetti presentati che si articoleranno, così come gli interventi, nelle diverse sezioni: GREEN TECHNOLOGY; VERDE TECNOLOGICO E INFRASTRUTTURE VERDI; HI-TECH GREEN & VISUAL IDENTITY; HI-TECH CITY LANDSCAPE; VERDE TECNOLOGICO E RICETTIVITÀ; VERDE HI-TECH PER I PAESAGGI PRODUTTIVI E VITIVINICOLI. Una vera rassegna di Nature Based Solutions che si connette al tema dei cambiamenti climatici e indaga la resilienza nella sua complessità, con particolare riferimento alla gestione idrica dei sistemi attraverso soluzioni di drenaggio sostenibile SUDS – Sustainable Urban Drainage Systems.

Il verde tecnologico quindi non solo come soluzione pensile o verticale ma come processo capace di integrarsi nelle nuove forme del costruito, in grado di avviare un processo di vera e propria “fertilizzazione” tecnologicamente avanzata, che segna un passo decisivo nello sviluppo dei nuovi insediamenti, siano essi residenziali o infrastrutturali. A conclusione delle giornate del Forum il 28 settembre alle ore 13.00 la Giuria dell’ECOtechGREEN AWARD renderà noti i vincitori per ogni categoria del Premio.

Alle 9.00 di venerdì 27 settembre ci sarà l’apertura ufficiale e durante la giornata, fino alle 18.00, verranno affrontate molteplici tematiche con altrettanti relatori: LA VOCE DELLE PROFESSIONI,  LANDSCAPE STRATEGY , GREEN HI-TECH E INFRASTRUTTURE VERDI, GREEN HI-TECH E INFRASTRUTTURE VERDI, GREEN HI-TECH URBAN REGENERATION.
Seguirà il pranzo e nel pomeriggio si svolgeranno altri dibattiti su: TECHNOLOGICAL GREEN,  HIGH TECH GREEN MOVING, GREEN HI-TECH FOR TURISM LANDSCAPE, GREEN HI-TECH FOR TURISM LANDSCAPE,  BIOPHILIC DESIGN FOR THERAPEUTIC AREA,  VERDE TECNOLOGICO & SHOPPING MALL,  BUILD LANDSCAPE IN SUSTAINABILITY e NATURE-BASED SOLUTION.

Sabato 28 invece i relatori interverrano dalle 9.00 alle 13.00 sui seguenti temi: RESILIENT LANDSCAPE FOR CHILDREN,  GREEN WALL & VISUAL IDENTITY, HI-TECH CITY LANDSCAPE,  GREEN HI-TECH RESEARCHES,  SNOW LANDSCAPE ARCHITECTURE,  ECO PARK STRATEGY.

3 + 3 CFP saranno riconosciuti dall’Ordine degli Ingegneri di Padova  per la partecipazione alle due giornate di Forum del 27 e 28 settembre. Per il riconoscimento dei CFP è richiesta l’iscrizione al Forum sul portale dedicato della Fondazione Ingegneri Padova.
Per iscriverti a Ecotechgreen: verde tecnologico ed infrastrutture verdi (27/09) clicca qui
Per iscriverti a Ecotechgreen: infrastrutture verdi e city landscape (28/09) clicca qui

Al termine del Forum Internazionale, la Giuria consegnerà il riconoscimento ai progetti selezionati come vincitori di ogni categoria, qui per ulteriori informazioni sul premio.

Per scaricare il programma e iscriversi, clicca qui.

Geologi contro NTC 2018, il Tar Lazio respinge il ricorso

Presentata nei giorni scorsi la sentenza n. 9850/2019 del Tar Lazio relativa al ricorso avanzato dal Consiglio Nazionale dei Geologi contro il dm 17 gennaio 2018 recante aggiornamento delle Norme Tecniche per le Costruzioni (NTC 2018) e la circolare applicativa 21 gennaio 2019, n. 7.

Secondo i geologi, il decreto presenta un’incertezza interpretativa delle norme come direttamente nocive per la professione di geologo:

contiene disposizioni in materia di competenze e responsabilità dei professionisti che andrebbero contro le norme di rango primario in materia.

In particolare, i paragrafi di cui i geologi chiedono l’annullamento sono i seguenti: 2.2.6, 5.1, 6.1.1, 6.2.1, 6.2.2, 6.10, 6.12, 7.11.2, 8.2, 8.3, 8.4, 10.1 e 12; nonché dei paragrafi 3.2.2, 6.4.3.1.1, 7.11.3.4.3 e di quelli contenenti previsioni similari.

Con la sentenza in esame i giudici hanno respinto il ricorso avanzato dal CNG.

Scarica il commento espresso dall’Ordine degli Ingegneri di Bolzano.

Master secondo livello in “GIS science e Sistemi a Pilotaggio Remoto per la gestione integrata del territorio e delle risorse naturali” UNIPD a.a. 2019-2020

E’ on-line il bando per il Master secondo livello in “GIS science e Sistemi a Pilotaggio Remoto per la gestione integrata del territorio e delle risorse naturali”.

Il master prepara i nuovi Professionisti della GIScience e dell’Informazione Geografica nei diversi profili (Geographic Information Manager, Geographic Information Officer, Geographic Knowledge Enabler, Geographic Information Specialist, GeoData Analyst) in grado di utilizzare approcci interdisciplinari, soluzioni tecnologiche e informazioni geografiche nell’affrontare questioni territoriali complesse e di gestire la trasformazione delle tecnologie per l’individuazione delle soluzioni più appropriate per imprese, enti pubblici, cittadinanza.

Scarica la locandina https://www.dicea.unipd.it/master-GIS-science-droni

Dipartimento proponente (Università degli Studi di Padova): Ingegneria Civile, Edile e Ambientale – ICEA

Dipartimenti concorrenti (Università degli Studi di Padova): Geoscienze; Scienze Storiche, Geografiche e dell’Antichità – DISSGEA; Agronomia Animali Alimenti Risorse Naturali e Ambiente – DAFNAE; Territorio e Sistemi Agro-Forestali – TESAF

COME ISCRIVERSI

Da quest’anno l’iscrizione è totalmente on line ed è necessario compilare due domande distinte:

  1. domanda di partecipazione compilata via web entro le ore 12.30 del 3 ottobre 2019 collegandosi al link https://pica.cineca.it/unipd/;
  2. domanda di prescrizione compilata via web entro le ore 12.30 del 3 ottobre 2019 collegandosi al link https://uniweb.unipd.it/.

Qui sono disponibili tutte le informazioni per l’iscrizione

http://www.mastergiscience.it/it_IT/iscrizioni/iscrizioni-20192020/

INFORMAZIONI DETTAGLIATE SU

http://www.dicea.unipd.it/master-GIS-science-droni    (pagina in italiano)

http://www.dicea.unipd.it/en/masterGIScience           (pagina in inglese)

 

Master in GESTIONE AMBIENTALE STRATEGICA

L’Università degli Studi di Padova comunica che sono aperte le iscrizioni per la diciasettesima edizione del Master in Gestione Ambientale Strategica. È un corso altamente professionalizzante e con un approccio pratico di innovazione accademica che dà la possibilità di upgrade nella carriera lavorativa già in corso o di trovare più facilmente lavoro in un settore in costante crescita. Il Master si rivolge a operatori del settore ambiente, liberi professionisti e giovani laureati.

Scadenza iscrizioni: 3 ottobre 2019

Alcune materie:

  • Sistemi di Gestione Ambientale
  • Economia circolare
  • Presenti e future applicazioni di Footprinting
  • Life Cycle Management
  • Gestione dell’Energia

Le materie di studio trovano applicazione nello stage aziendale (450 h per gli studenti) o nel project work (per i lavoratori)

Oltre al Titolo Accademico di Master post laurea e a 30 CFP per ingegneri il percorso formativo permette di ottenere altri 4 certificati utili per la propria crescita professionale e direttamente spendibili nel mondo del lavoro:

  •  Auditor Ambientale
  •    Auditor Sistemi di Gestione dell’Energia
  •    Formazione Esperto Gestione Energetica (EGE)
  •    Consulente e revisore ambientale EMAS

Il Ministero dell’Ambiente rinnova il patrocinio al Master in Gestione ambientale strategica A.A. 2019-2020, riconoscendone la validità dei contenuti e degli obiettivi formativi. Sarà un master Plastic Free, una scelta di continuità con il percorso già intrapreso dal Ministero.

Durata: novembre 2019 – settembre 2020, formula weekend

Per approfondimenti visita il sito: www.cesqa.eu

Per scaricare il bando: http://www.unipd.it/gestione-ambientale

Per informazioni: cesqa@unipd.it – tel. 049.8275539