Skip to content Skip to main navigation Skip to footer

Attività

Mostra “A lezione di terremoti” dal 2 al 15 ottobre 2014, Portogruaro (Ve)

logo INT Seconda tappa della mostra promossa insieme con l’Ordine degli Ingegneri di Venezia per stimolare i cittadini ad avere un ruolo consapevole circa le peculiarità di rischio sismico del nostro territorio e le vulnerabilità del costruito. Il materiale esposto racconta mediante immagini, foto, brevi descrizioni, in modo divulgativo ma approfondito, qual è l’origine geofisica dei terremoti, come si manifestano e quali danni arrecano sul costruito, quali sono le misure di comportamento corretto da imparare e quali precauzioni sarebbe opportuno prendere sugli edifici, al fine di limitarne la vulnerabilità.
L’iniziativa è promossa dalll’associazione IO NON TREMO! e dal Comune di Portogruaro (Ve).

Date: dal 2 al 15 ottobre 2014, con inaugurazione mercoledì 1 ottobre 2014  ore 18:00.

Sede: presso il Collegio Marconi in via Seminario, 34 a Portogruaro (Ve).

Info: Ordine degli Ingegneri di Venezia tel. 041.5289114.

Scarica

Master CESQA – Aperte le iscrizioni!

MasterCESQA2014
Spicca il volo con il Master in Gestione Ambientale Strategica A.A. 2014-2015!

Sono aperte fino al 13 novembre le ammissioni al Master in Gestione Ambientale Strategica organizzato dal Centro Studi Qualità Ambiente dell’Università degli Studi di Padova.

Didattica

Il master si svolge da Gennaio a Novembre 2015 (11 mesi), in formula weekend

  • 312 ore di didattica frontale
  • 16 ore di didattica a distanza
  • 475 ore di stage e/o project work;

Le lezioni in aula, presso le sedi dell’Università di Padova, si svolgeranno:

  • per 3 settimane consecutive: venerdì pomeriggio (4 ore) e sabato mattina (4 ore);
  • la 4^ e 5^ settimana: venerdì mattina e pomeriggio (8 ore) e sabato mattina (4 ore).

L’impegno sarà quindi variabile ciclicamente ogni 5 settimane.

È richiesto un obbligo di frequenza ad almeno l’80% delle ore di lezione e l’80% dello stage.

Posti disponibili 35

Requisiti di ammissione

  • Laurea (sono ritenute valide anche le lauree triennali).

Possono presentare domanda di ammissione anche coloro che conseguiranno la laurea entro e non oltre la data di inizio del Master.

Contenuti

Il master è organizzato in 8 moduli:

  1. Elementi di organizzazione aziendale
  2. Legislazione, tecniche e tecnologie ambientali
  3. Sistemi di gestione ambientale
  4. Audit Ambientale – Corso per auditor ambientale riconosciuto AICQ-SICEV
  5. Life Cycle Management
  6. Gestione del cambiamento climatico
  7. Gestione dell’Energia – Corso per Esperto in Gestione dell’Energia in conformità ai requisiti della norma UNI CEI 11339:2009, riconosciuto AICQ-SICEV. L’obiettivo del corso è quello di fornire la preparazione necessaria al superamento degli esami per il riconoscimento della qualifica di EGE
  8. Strumenti e metodi per la gestione della sicurezza – Corso base – MODULO A – per svolgere funzioni di Responsabile/Addetto del Servizio Prevenzione e Protezione (RSPP e ASPP) accreditato AIFOS – Associazione Italiana Formatori della Sicurezza sul Lavoro.

Il master in Gestione Ambientale Strategica rilascia fino a 5 titoli riconosciuti direttamente spendibili nel mondo del lavoro!

Quest’anno include nel suo programma formativo anche il modulo “Esperto Gestione Energia” con il relativo attestato. Il modulo è anche corso singolo per esterni.

Per saperne di più: www.cesqa.eu

Seminario gratuito sui reati ambientali 26/09/14 Este (Pd)

Seminario GRATUITO su “RESPONSABILITÀ AMMINISTRATIVA DELLE PERSONE GIURIDICHE PER REATI AMBIENTALI” organizzato dall’Ordine degli Ingegneri di Padova e dalla Fondazione Ingegneri di Padova (FIP).

Relatore sarà il Dott. Luca Passadore, vice direttore e responsabile del settore Ambiente di Confindustria Padova.
L’evento formativo si terrà il prossimo 26 settembre 2014, dalle 17.00 alle 20.00 ad Este (Pd), presso la Sala Comunale di Vicolo Mezzaluna 1 (ubicata sul retro della sede municipale di Piazza Maggiore).

La partecipazione al seminario è gratuita, ma per partecipare è obbligatoria l’iscrizione.
Ai partecipanti verranno riconosciuti 3 CFP.

Per altri dettagli  e per le ISCRIZIONI collegarsi al link:

http://www.fondazioneingegneripadova.org/wordpress/?p=1416

Congresso Nazionale di Caserta – 10 – 11-12/09 – Diretta streaming

Caserta Congresso imgIl Consiglio Nazionale degli Ingegneri dal 10 al 12 settembre terrà nella città campana il suo 59esimo Congresso Nazionale, riflettendo su temi cari alla categoria (riforma professioni, codice appalti…) legandoli indissolubilmente ai maggiori argomenti di attualità che stanno caratterizzando l’evoluzione economico-politica del Paese: il completamento del sistema infrastrutturale, piani casa, politiche energetiche.
Assi portanti questi, al centro del dibattito congressuale, a cui sono attesi circa mille delegati da ogni parte del Paese, concentrato a individuare gli elementi del presente come chiavi di sviluppo del domani. “Il Futuro, oggi. Crescita, Sostenibilità, Legalità” non a caso, è il titolo della 59° assise del CNI.

Sarà interamente trasmesso in diretta streaming e sarà visibile da tutti gli iscritti  connettendosi al sito www.congressonazionaleingegneri.it  previa registrazione con Nome, Cognome, Ordine di appartenenza e numero di iscrizione.

Martedì 9 settembre alle ore 11 sarà possibile effettuare un collegamento di prova.

Anche a tutti gli iscritti che parteciperanno alla diretta streaming presso le sedi che ogni singolo Ordine potrà identificare, assolvendo alla responsabilità delle verifiche di partecipazione, saranno riconosciuti i seguenti crediti:
– 2 crediti per la partecipazione del giorno 10 settembre sessione del mattino
– 3 crediti, rispettivamente, per la sessione pomeridiana del 10 settembre, per la sessione mattutina dell’11 settembre e per la sessione pomeridiana dell’11 settembre.

Scarica

Premio Codega: riconoscimento alle eccellenze nel disegnare la luce

Codega Prize 20141Promosso da Assodel (Associazione Nazionale Fornitori Elettronica) in collaborazione con APIL (Associazione Italiana Professionisti dell’Illuminazione), il Premio Codega è il riconoscimento assegnato ai professionisti della luce per le realizzazioni innovative basate su un uso intelligente e integrato della tecnologia LEDin ambito Contract/Commercial.

Possono candidarsi al premio lighting designer/illuminotecnici, liberi professionisti (sono esclusi gli uffici tecnici di aziende, di rivenditori).

I Premi consistono in:

–        spettrometro del valore commerciale di 2.500 euro al vincitore del primo premio (*)
–        targa per le eventuali menzioni

(*)per maggiori informazioni: Lighting Passport –www.LightingPassport.com

I vincitori del premio saranno annunciati a ILLUMINOTRONICA – la mostra-convegno italiana dedicata all’illuminazione a LED in programma a Padova (www.illuminotronica.it) – il giorno 10 ottobre, durante il convegno L’uso creativo della luce attraverso la tecnologia a LED: l’approccio progettuale e i casi di successo”.

La cerimonia di premiazione si svolgerà la sera di venerdì 10 ottobre 2014 a Venezia (presso Cà Zen).

Per conoscere le modalità di partecipazione, la giuria e i criteri di valutazione, è possibile consultare il sito:
www.premiocodega.it oppure scrivere a segreteria@premiocodega.it



«I neo laureati bellunesi sono costretti a emigrare»

Da articolo pubblicato sul Corriere delle Alpi del 29/07/2014.

image-Cau BELLUNO. Manutenzione del territorio e supporto ai giovani sono le priorità emerse nella riunione del Consiglio della Federazione degli Ordini degli ingegneri del Veneto (Foiv). L’incontro si è svolto a Belluno il 22 luglio per la definizione delle linee guida d’intervento fino al 2018.
Dichiarati gli obiettivi politico-programmatici della Foiv, che puntano a costituire la consulta regionale delle professioni tecniche, implementare ulteriormente i rapporti con Confindustria Veneto e Ance Veneto, aprendo anche a Confartigianato. Anche il capoluogo bellunese, per le sue peculiarità, «avrà uno spazio importante all’interno delle linee d’indirizzo della federazione», ha affermato il neo vicepresidente Maurizia Cau, già segretario dell’ordine bellunese, «il nostro è un territorio complesso la cui conformazione oro-geologica rende mobilità e infrastrutture più complicate e dove le eccellenze dell’occhialeria e dell’industria metalmeccanica ed elettronica non riescono ad assorbire la professionalità dei tanti giovani ingegneri bellunesi, costretti a cercare lavoro altrove. La crisi dell’edilizia, poi, acuisce le difficoltà di chi esercita o si affaccia alla professione, mentre la scarsa manutenzione del territorio produce difficoltà crescenti e ingigantisce gli effetti di ogni pioggia che cade sulle nostre strade».
Corsi di aggiornamento on line per gli iscritti, attenzione alle politiche di inserimento lavorativo dei giovani e manutenzione del territorio «sono aspetti prioritari per una provincia, quella di Belluno, che necessita di una rapida modernizzazione per uscire dalla crisi», ha dichiarato Cau.
La Foiv dichiara di voler istituire un gruppo di lavoro costituito da giovani laureati (di età inferiore a 35 anni) per individuare possibili strade che facilitino l’avvio al lavoro.

E’ IL VITTORIESE NAPOL IL NUOVO PRESIDENTE DEGLI INGEGNERI VENETI – 24 06 2014

NAPOL Presidente L’ing. Gian Pietro Napol è il nuovo presidente della Federazione degli Ordini provinciali degli Ingegneri del Veneto. A seguito delle elezioni svoltesi presso l’Ordine ospitante, gli oltre 15 mila ingegneri iscritti agli ordini provinciali del Veneto hanno un nuovo presidente federale regionale: l’ing Gian Pietro Napol. A supportare il presidente un comitato esecutivo composto dai 2 Vice Presidenti ing. Maurizia Cau dell’Ordine di Belluno e ing. Andrea Falsirollo dell’ Ordine di Verona, il Segretario ing. Rita Malaspina dell’ Ordine di Rovigo, il Tesoriere ing. Sergio Slaviero dell’ Ordine di Vicenza. Gian Pietro Napol, ingegnere civile di Vittorio Veneto, classe 1953, sposato, con due figli e vicepresidente già per due mandati ed un totale di 8 anni del FOIV ha un’esperienza più che decennale nella Federazione degli ingegneri.

Seminario su impianti nei condomini – Padova 27 giugno

NORMATIVA PER LA SICUREZZA E LA GESTIONE DEGLI IMPIANTI NEI CONDOMINI:
NUOVE OPPORTUNITA’ PER L’INSTALLATORE
Recentemente la legislazione riguardante la gestione dei condomini è mutata e sono state apportate numerose modifiche in particolare al Codice Civile, che introducono nuove responsabilità per gli Amministratori di Condominio, in particolare in
campo impiantistico elettrico.
Gli Amministratori infatti assumono il ruolo di responsabili del condominio anche agli effetti della sicurezza impiantistica.
E’ quindi assolutamente importante esaminare con attenzione la problematica inerente la manutenzione degli impianti al fine di prolungarne la vita utile, in sicurezza.
E’ altresì importante il ruolo dell’Impiantista qualificato in grado di assicurare un adeguato servizio di manutenzione e verifica degli impianti sia delle parti comuni che delle altre unità immobiliari, e
nel contempo minimizzi i costi per i condomini.
Nella prima parte del seminario verrà fatta una panoramica sulla normativa tecnica riguardante l’impiantistica e sulle principali norme di legge che regolano la gestione condominiale.
Seguirà una tavola rotonda in cui si confronteranno i principali attori in tema di gestione degli impianti nei condomini.
Potrà essere questo un momento utile per discutere sui temi d’interesse e per stimolare proposte per affrontare eventuali problematiche o migliorare il rapporto di collaborazione tra le parti.
Il dibattito sarà aperto anche a tutti i partecipanti al seminario, che potranno quindi porre le loro domande direttamente ai vari interlocutori della tavola rotonda.
Iniziativa organizzata da AVIEL in collaborazione con AEIT Sezione Veneta, Comune di Padova Settore Ambiente, Confartigianato, ANACI.

La partecipazione è gratuita.
E’ comunque richiesta l’iscrizione al seminario, da effettuarsi tramite l’invio della Scheda di iscrizione allegata, via posta elettronica (info@aviel.it) o fax (049/8277599), entro lunedì 23 giugno 2014.

Quando:
Venerdì, 27 giugno 2014 ore 14.30

Sede dell’incontro:
Dipartimento di Ingegneria Industriale
via G. Gradenigo, 6/A – PADOVA

Scarica

8° Congresso Europeo di Behavior-Based Safety, 27-28 giugno – Trieste

A Trieste, il 27-28 giugno, si terrà l’8° Congresso Europeo di Behavior-Based Safety. Un evento gratuito, organizzato da AARBA con il patrocinio del Consiglio Nazionale degli Ingegneri

CULTURA E VALORI DI SICUREZZA: MISURARLI E COSTRUIRLI CON METODI SCIENTIFICI

La comunità dei professionisti della sicurezza deve iniziare a parlare un linguaggio comune, che permetta all’ingegnere, al giurista, al tecnico, al manager, al medico, allo psicologo, etc. di capirsi quando uno di questi invoca il mantra “Dobbiamo migliorare la nostra cultura della sicurezza”: il Congresso Europeo di Behavior-Based Safety di quest’anno ha l’obiettivo ambizioso di rendere la Cultura e Valori della Sicurezza qualcosa di concreto, misurabile, di raggiungibile attraverso una serie ordinata di attività, con uno scopo ben preciso e cioè ridurre il numero di infortuni, di medicazioni, di malattie professionali. Dopo il successo di Verona 2013 (più di 600 presenze), il congresso si sposta alla Stazione Marittima di Trieste: 4 relatori internazionali, 3 workshop precongressuali, 2 simposi di cui uno dedicato alle esperienze applicative con le testimonianze di Consorzio Condotte Cossi, Centro di Riferimento Oncologico di Aviano, Heineken, Baltimore Aircoil, OMA group, Italcementi, Weir Gabbioneta e altri.

In analisi del comportamento, all’interno di un’organizzazione o di un gruppo di individui, si definisce cultura l’insieme coerente dei comportamenti e delle contingenze – tra cui le regole – che li modellano. Per intenderci si ha un cultura della sicurezza in un’azienda X se la maggior parte delle persone adotta gli stessi e condivisi comportamenti di prevenzione e protezione, se segnala le situazioni di rischio, se parla di sicurezza anche al di fuori dei momenti istituzionali… e se per tutte queste attività la maggior parte delle persone apprezza, approva, premia chi le fa o d’altro lato estingue, punisce penalizza chi esibisce comportamenti a rischio. Il compito della scienza è ora dire come si fa a misurare e poi ottenere questo.

In questa opera definitoria, purtroppo la legge non aiuta perché per esempio il d.lgs 81/2008 in diversi punti prescrive le attività a carico di enti pubblici e privati per promuovere e divulgare la cultura della salute e della sicurezza (art. 9 e 11) ma poi non ci dice come misurare l’efficacia della loro azione. Ci rendiamo conto che questo approccio è proprio delle discipline scientifiche, piuttosto che di quelle giuridiche, ma sarebbe utile che queste due modi di leggere e intervenire sul mondo inizino a collaborare e a istruire regole efficaci, ossia che abbiano una discreta probabilità di successo e in base a questo successo siano rese valide o invalide. Per questo, un’altra parte importante del congresso di quest’anno sarà dedicata all’integrazione tra scienza, legge e giurisprudenza sul lavoro e vedrà la partecipazione di importanti magistrati, avvocati, giuristi, esperti di legislazione.

L’iscrizione è gratuita e la registrazione obbligatoria online su www.aba-italy.it 

Per informazioni
AARBA, Corso Sempione 52 – Milano
www.aba-italy.it; mail: segreteria@aarba.it
tel. 02 400 47 947

Di seguito gli indirizzi utili:

Il Comunicato Stampa

http://www.aarba.eu/public/File_PDF/Congresso_2014/CongressoBBS_2014_comunicato_stampa_lancio.pdf

Il programma 

http://www.aarba.eu/public/File_PDF/Congresso_2014/Programma_Congresso_BBS_OBM_2014.pdf

Il modulo d’iscrizione

http://www.aarba.eu/eventi/Congresso_2014/congresso-B-BS/iscrizione_congresso

Un testo introduttivo alla sicurezza comportamentale

http://www.aarba.eu/eventi/Congresso_2014/congresso-B-BS/cose-la-b-bs


POS: obbligo o onere?

POSProprio per rispondere ad un simile quesito, il CNI ha pubblicato una circolare in cui si mette in discussione l’obbligo per tutti i professionisti di dotarsi di POS, il cui uso è stato sancito dall’art. 15, comma 2 del decreto legge n. 179/2012.

Tale disposizione prevede che:
A decorrere dal 30 giugno 2014, i soggetti che effettuano l’attività di vendita di prodotti e di prestazione di servizi, anche professionali, sono tenuti ad accettare anche pagamenti effettuati attraverso carte di debito”.

Come appare evidente da una prima lettura della circolare del CNI, si precisa che i professionisti non saranno obbligati a dotarsi di POS, nè che ci sarà l’obbligo di pagare ogni prestazione secondo questa modalità a partire dal 30 giugno, ma che, qualora il cliente voglia assolvere all’obbligazione pecuniaria con carta di credito, il professionista è tenuto a dotarsi del sistema POS.
In ogni caso, qualora il cliente dovesse effettivamente richiedere di effettuare il pagamento tramite carta di debito e il professionista ne fosse sprovvisto, si determinerebbe semplicemente la fattispecie della mora del creditore, che, come noto, non libera il debitore dall’obbligazione. Nessuna sanzione è infatti prevista in caso di rifiuto di accettare il pagamento tramite carta di debito. 

Per evitare tali inconvenienti, appare possibile che cliente e professionista, almeno in questa prima fase di applicazione della normativa si accordino sulla modalità di pagamento.


Scarica

My Agile Privacy
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy