Categoria: In evidenza

Treviso Forensic 2022. Quarta edizione del seminario sulle scienze forensi

Ingegneria Forense, quali prospettive? Si terrà dal 12 al 14 settembre, l’edizione 2022 di Treviso Forensic, seminario tecnico di Ingegneria Forense rivolto ai professionisti – tecnici, avvocati, magistrati ecc – che operano nel settore e, in generale,nel ramo delle scienze tecniche applicate in ambito forense.

Diventato nel corso degli anniuno dei più importanti appuntamenti del settore, l’evento si configura come un momento di incontro finalizzato ad approfondire la conoscenza di questa nuova disciplina, non ancora pienamente riconosciuta in ambito nazionale, che si propone di applicare i metodi scientifici dell’ingegneria tradizionale al processo di analisi di problemi tecnici all’interno di procedimenti penali, civili ed amministrativi.

Il seminario si svolgerà in modalità “mista”, sia in presenza che online, e prevederàlo svolgimento ditavole rotonde volte a incentivare il dialogo tra le parti e amettere a confronto le esperienze culturali e i differenti punti di vista degli attori coinvolti.L’approccio sarà quindi multidisciplinare e si snoderà attraverso una serie di sessioni parallele dedicate alle più svariate tematiche e macro-aree di interesse, tra cuisettore civile e strutturale, ambiente, acustica, estimo, sicurezza e antincendio, edilizia e urbanistica, impiantistica e informatica. Al centro della discussione, la figura cardine del Tecnico Forense nell’ottica di porre le basi per una futura e migliore amministrazione dell’impianto amministrativo e legale.

Gli autori interessati a partecipare a Treviso Forensic 2022 possono inviare un contributo di intervento o una proposta di sessione, di massimo 350 parole, a info@trevisoforensic.it entro il 1 maggio 2022.


Organizzato da Associazione e Ordine degli Ingegneri della Provincia di Treviso, con il patrocinio scientifico dell’Università di Padova, del Dipartimento ICEA,dell’Università di Napoli e dell’Università di Genova. Il seminario è promosso dal Consiglio Nazionale degli Ingegneri (CNI), dal Consiglio Nazionale Forense (CNF), dalla Federazione Ordine Ingegneri del Veneto (FOIV) e dall’Associazione Nazione Giuristi Informatici e Forensi (ANGIF) e da Assindustria Veneto Centro. E con il Patrocinio della Provincia di Treviso.

Scarica qui la locandina.

Ciclo di webinar “La transizione digitale nella Pa”

Nell’ambito della collaborazione tra FOIV e ANCI Veneto, al via un ciclo di webinar dedicati alla transizione digitale nella Pa.

Di seguito i primi webinar in programma:

  • RTD: IL RUOLO DEL RESPONSABILE PER LA TRANSIZIONE AL DIGITALE. 5 maggio 2022
  • LA PROGETTAZIONE DEI NODI DEL TRAFFICO CON SOFTWARE OPEN SOURCE. 16 maggio 2022 

    I webinar sono rivolti ai dipendenti comunali e quindi agli ingegneri dipendenti del Veneto.
    La partecipazione è gratuita; per ottenere il link col quale collegarsi alla sessione, è necessario compilare il modulo di iscrizione nella sezione “Convegni” del sito www.anciveneto.org 

Al via i miniwebinar di FOIV

Accessibili a tutti, rapidi ed esaustivi, dedicati a tematiche chiave per la professione: nascono i mini webinar FOIV. Sono incontri GRATUITI della durata di un’ora in modalità streaming su Zoom, e saranno tenuti da esperti del settore con l’obiettivo di approfondire alcuni aspetti chiave per la professione.

Il programma completo è in fase di definizione, ma il primo evento è già in calendario per il 27 aprile ore 17:30 e sarà dedicato ai recenti aggiornamenti in materia di prevenzione incendi.

Questi i temi che verranno trattati dall’ing. Marco Di Felice, Componente del gruppo di lavoro sicurezza e prevenzione incendi del CNI:

  • Aggiornamento su proroghe, stato di validità degli atti di prevenzione incendi, scadenze quinquenni di riferimento, piattaforma ANPA
  • Consistenza professionisti antincendio: aggiornamento
  • Esiti nuovo sondaggio CNI sul Codice
  • Criticità rinnovi e rinnovi tardivi di conformità antincendio

Per partecipare è necessario iscriversi su: https://us06web.zoom.us/meeting/register/tZMlcuCrrjkoGdKRHDCnjkGV0PPAafyA9orJ

L’iniziativa non gode del riconoscimento dei CFP – Crediti Formativi Professionali, né di crediti per professionisti antincendio.

Scarica qui la locandina.

L’ing. Marco Zennaro racconta la sua terribile esperienza ai colleghi dell’Ordine Ingegneri Venezia

Molto partecipato ed emozionante l’incontro del 4 aprile, nella sede dell’Ordine, con il collega ing. Marco Zennaro, che ha raccontato la sua terribile esperienza di sequestrato a Karthum, in Sudan, per quasi un anno.

Marco Zennaro, oltre che ingegnere iscritto al nostro Ordine, è imprenditore nell’azienda di famiglia, la Zennaro Electrical Constructions, con sede a Marghera, che opera da decenni nella produzione di trasformatori che vengono apprezzati e venduti in tutto il mondo.

A volte, però, contrasti con ditte concorrenti, contestazioni pretestuose, scarsa presenza di istituzioni appena affidabili, possono condurre le transazioni commerciali a esiti infausti.

Continua a leggere l’articolo nel sito dell’Ordine degli Ingegneri della Città metropolitana di Venezia.

Webinar “BIM management and coordination – competenze e soluzioni per la transizione digitale nel settore delle costruzioni” (28 aprile, ore 15)

Si svolgerà il prossimo 28 aprile il webinar “BIM management and coordination – competenze e soluzioni per la transizione digitale nel settore delle costruzioni”, organizzato dalla FOIV – Federazione degli Ingegneri del Veneto, con il patrocinio di Anci Veneto, dalle 15:00 alle 18:00.

In questa profonda trasformazione digitale che sta interessando tutti i settori economici,  anche l’ambito delle costruzioni sta vivendo un intenso processo di cambiamento,  pertanto lo scopo del webinar è fare il punto sulle competenze professionali che il BIM (Building Information Modelling) e la digitalizzazione delle costruzioni richiede ai principali attori della filiera delle costruzioni

Il webinar darà spazio all’ampio spettro di testimonianze e punti di vista degli enti coinvolti nell’ambito delle costruzioni (società di progettazione, imprese di costruzioni, enti pubblici)  e una panoramica dei principali enti di certificazione presenti in territorio italiano (TUV, ICMQ, BUREAU VERITAS).

La partecipazione è gratuita con ISCRIZIONI ON LINE obbligatoria entro il 25 aprile su: https://forms.gle/HWnYnt7vXF36F7P38

CFP: agli ingegneri partecipanti saranno riconosciuti 3 CFP.  Ai fini del rilascio, è obbligatoria la frequenza del 100% della durata del convegno.

Scarica qui la locandina

Marco Zennaro all’Ordine Ingegneri Venezia, incontro il 4 aprile

Lunedì 4 aprile alle ore 18.30, in presenza presso la sala corsi dell’Ordine (fino ad esaurimento posti) e anche in collegamento streaming è stato organizzato un incontro con il nostro collega Marco Zennaro. 

Marco, rientrato da poco in Italia dopo un lungo periodo in cui è stato bloccato in Sud Sudan, ci parlerà della sua sconvolgente esperienza anche con riferimento alla sua attività imprenditoriale e professionale.

Per partecipare in presenza è necessario comunicare alla segreteria l’adesione (info@ordineingegneri.ve.it, telefono 041.5289114).

Clicca su questo link per partecipare da remoto.

Foto di Nicola Schiavon

GLI EMENDAMENTI DELLA FILIERA DELLE COSTRUZIONI AL “DECRETO SOSTEGNI TER”

Riguardano le sanzioni nei confronti dei tecnici asseveratori e la proroga dei tempi di scadenza dei bonus edilizi

La Filiera delle Costruzioni svolge da tempo, nell’interesse del Paese, un lavoro incessante sul tema dell’efficienza energetica e della sicurezza strutturale degli edifici. Le drammatiche vicende di questi giorni confermano l’urgente necessità di ridurre il ricorso a risorse energetiche esterne, incentivando l’uso delle energie rinnovabili e dei sistemi di isolamento delle costruzioni. Per questo motivo è necessario che i bonus edilizi possano essere utilizzati al massimo della loro efficacia.

A questo proposito, la Filiera delle Costruzioni ha trasmesso le proposte condivise di subemendamenti relativi al provvedimento AS 2505 “Decreto Sostegni Ter”, da utilizzare nel caso non fosse possibile la soppressione integrale del comma 2 dell’articolo 28-bis.

Il primo subemendamento recita: “il tecnico abilitato che, nelle asseverazioni di cui al comma 13, allo scopo di conseguire un ingiusto profitto per sé o per altriattesta falsamente l’effettiva realizzazione dell’intervento è punito con la multa da 10.000 a 50.000 euro”. Questa proposta è finalizzata a mitigare l’ingiustificato inasprimento delle sanzioni a carico dei professionisti in relazione ai bonus fiscali in edilizia. La previsione di una possibile elevatissima sanzione penale – prossima a quella, ad esempio, dell’omicidio stradale – riservata ai professionisti che svolgono attività di progettazione ed asseverazione delle opere ricomprese nei cosiddetti Superbonus costituisce un utilizzo improprio della sanzione penale, che dovrebbe riguardare fattispecie più significativamente lesive del pubblico interesse e del pubblico denaro.

Il secondo emendamento prevede che“Il massimale assicurativo per l’attività di asseverazione deve essere pari almeno al 10% del totale dell’importo complessivo degli interventi oggetto delle asseverazioni se l’ammontare degli stessi è inferiore a 5 milioni di euro IVA esclusa e pari almeno al 20% del totale dell’importo complessivo degli interventi oggetto delle asseverazioni se l’ammontare degli stessi è pari o superiore a 5 milioni di euro, IVA esclusa”. La modifica si ritiene necessaria perchéil nuovo testo sulle assicurazioni rischia di far saltare la copertura assicurativa dei professionisti, generando ulteriore confusione nell’ordinamento perché la copertura assicurativa, come noto, costituisce un obbligo ineludibile per i professionisti. Un terzo emendamento prevede che restino comunque valide le polizze stipulate precedentemente al 26 febbraio 2022.

Gli ultimi due emendamenti sono relativi alla proroga al 28 febbraio 2023 e al 30 settembre 2022, rispettivamente dei tempi di scadenza dei bonus edilizi e dello stato di avanzamento lavori del 30%. Ciò perché l’incertezza scaturita dalla normativa sulla cessione dei crediti che, dallo scorso 27 gennaio 2022, si è, di fatto, determinata per effetto della formulazione originaria dell’articolo 28 del decreto-legge in esame, ha provocato un sostanziale blocco dell’operatività.

La Filiera delle Costruzioni si augura che gli emendamenti proposti possano essere acquisiti in modo da evitare che venga depotenziato il fondamentale contributo dei bonus edilizi al rilancio del Paese.

I PRESIDENTI E I SEGRETARI DELLE ORGANIZZAZIONI FIRMATARIE:

ANCE – ASSOCIAZIONE NAZIONALE COSTRUTTORI EDILI

ASSOLEGNO DI FEDERLEGNOARREDO

ALLEANZA DELLE COOPERATIVE ITALIANE PRODUZIONE E LAVORO

CONFCOOPERATIVE LAVORO E SERVIZI

LEGACOOP PRODUZIONE E SERVIZI

ANAEPA CONFARTIGIANATO EDILIZIA

CNA COSTRUZIONI

FIAE CASARTIGIANI

FILLEA CGIL

FILCA CISL

FENEAL UIL

C.L.A.A.I.

CONFAPI ANIEM

ANACI – ASSOCIAZIONE NAZIONALE AMMINISTRATORI CONDOMINIALI E IMMOBILIARI

ISI – INGEGNERIA SISMICA ITALIANA

OICE

RETE PROFESSIONI TECNICHE

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI

FEDERCOSTRUZIONI

LEGAMBIENTE

ASSISTAL

FONDAZIONE INARCASSA

UNIONE CONSORZI STABILI ITALIANI

UNION SOA

USI

GENERAL SOA

CONFORMA

CONFINDUSTRIA

FEDERESCO

Torna in presenza il Forum Internazionale ECOtechGREEN

Finalmente in presenza, con un’edizione che si annuncia speciale e si configura come con un vero momento di restart, torna il Forum Internazionale ECOtechGREEN – ECOLOGIA TECNOLOGIA VERDE dedicato al ruolo che le soluzioni di verde tecnologico svolgono all’interno del più vasto campo delle soluzioni basate sulla natura o meglio NBS, a cui è connesso l’omonimo Premio, vede nel lancio ufficiale del bando il suo avvio. Il bando lanciato nelle scorse settimane si chiuderà infatti il 15 marzo alle ore 12. Molte le novità: prima fra tutti la nuova sede, il Centro Congressi di Fiera di Padova a firma di Kengo Kuma, dove ECOtechGREEN potrà riportare al centro del dibattito il ruolo resiliente del progetto delle infrastrutture verdi per la città nella sfida globale climatica, sociale ed ambientale.

Organizzato da PAYSAGE – promozione e sviluppo per l’Architettura del Paesaggio, Consiglio Nazionale degli Architetti Paesaggisti Pianificatori e Conservatori CNAPPC in collaborazione con Fiera di Padova in collaborazione con il Consiglio Nazionale degli Architetti Pianificatori Paesaggisti e Conservatori, il Consiglio Nazionale degli Ingegneri, il Consiglio Nazionale dei Dottori Agronomi e dei Dottori Forestali, il Consiglio Nazionale degli Agrotecnici e degli Agrotecnici Laureati, il Consiglio Nazionale dei Periti Agrari e Periti Agrari Laureati e il tutti gli ordini professionali di riferimento per il settore, il Forum Internazionale ECOtechGREEN giunge alla sua tredicesima edizione con un vero restart, il 21 e 22 aprile 2022.

Il Forum Internazionale ECOtechGREEN si rinnova e individua nel nuovo Centro Congressi di Fiera di Padova il luogo privilegiato per lo svolgimento. ECOTECHGREEN infatti sarà tra gli eventi che inaugureranno il nuovo Centro Congressi, l’iconica architettura che a firma di Kengo Kuma si configura come il più moderno centro congressi italiano, unico nel panorama nazionale. Questo luogo che offrirà all’iniziativa una cornice straordinaria all’interno della quale l’evento potrà esprimere tutte le potenzialità delle partecipazioni nazionali e internazionali riportando al centro del dibattito il ruolo resiliente del progetto delle infrastrutture verdi per la città nella sfida globale climatica, sociale ed ambientale, con il ritorno allo svolgimento in presenza che permetterà di ritrovare uno scambio culturale e professionale con i professionisti internazionali che si alterneranno al tavolo dei relatori.

ECOtechGREEN, in questa edizione ricca di novità, conferma la sua vocazione di promozione di progetti e ricerche nell’ambito dell’Architettura del Paesaggio, portando al centro del dibattito la natura e il verde in generale come elemento primario da sviluppare all’interno dei vari comparti, tema centrale delle politiche sia italiane sia europee.

Nell’ambito del cambiamento climatico il progetto del paesaggio può e deve svolgere un ruolo determinante ed è per questo motivo che, come indicato dalla risoluzione del Parlamento europeo, le applicazioni di Nature Based Solution devono essere sempre più implementate.

Per questa ragione, viene rafforzata la collaborazione con le categorie professionali che svolgono un ruolo fondamentale all’interno della filiera progettuale e che nell’evento avranno la loro rappresentanza a partire dal Consiglio Nazionale degli Architetti, a cui si affiancano le tante professionalità coinvolte: Dottori Agronomi e Forestali, Ingegneri, Agrotecnici, Periti Agrari e Geometri.

Il verde tecnologico, quindi, non solo come soluzione pensile o verticale ma come processo capace di integrarsi nelle nuove forme del costruito, in grado di avviare un processo di vera e propria fertilizzazione della città. Molte le collaborazioni eccellenti di questa edizione a partire da ENEA, l’ente nazionale preposto alla valutazione dell’efficienza termica ed ecologica delle soluzioni schermanti per gli involucri edilizi, proprio per comprendere l’applicabilità dei sistemi fiscali premianti anche al settore delle NBS. L’ANCI è stata coinvolta proprio per portare a Padova un momento di confronto tra amministrazioni pubbliche sottolineato dalla presenza dell’AIDTPG che raccoglie i direttori e funzionari dei settori del verde pubblico dei Comuni italiani. L’ANCE l’associazione che raccoglie i costruttori di un’importante comparto economico del nostro paese a cui si affiancherà ASSOVERDE illustrando i principali obiettivi del settore. All’interno di ECOtechGREEN molto presente anche il mondo della Ricerca, rappresentato dall’Università di Venezia IUAV, dall’Università di Pisa, dall’Università di Padova – Dipartimento TESAF. E per la prima volta proprio a sottolineare l’importanza ne progetto del paesaggio del suo ruolo sociale la presenza dell’Associazione Nazionale Sociologi che porteranno all’interno dell’evento un loro importante contributo.

Qui il comunicato stampa ufficiale.

Qui il bando.

Qui l’iscrizione al premio.

Bando 2022 per l’attribuzione di 3 premi di laurea

Il Collegio Ingegneri Venezia ha istituito il premio “Tesi di laurea”, volto alla premiazione di tre tesi di laurea, nei settori civile ambientale, industriale e dell’informazione, che siano finalizzate ad approfondire aspetti e criticità nei vari ambiti dell’ingegneria.

Potranno essere ammessi ingegneri che abbiano conseguito la laurea magistrale presso un’università italiana negli anni accademici 2019/2020, 2020/2021.

Qui il bando completo.

Qui gli allegati al bando.